L’ISOLA CHE NON C’E’
Dicono che il posto in cui si nasce spiega chi siamo meglio di qualsiasi altra cosa. Il mio è un paesino appeso al versante sud del Pratomagno, comune di Loro Ciuffenna si chiama Poggio di Loro. E’ lì che nacqui, in un mulino, nel ’52 da un’antica famiglia di mugnai quella di mio padre e di pastori, transumanti dalla Maremma al Pratomagno, quella di mia madre. E’ da lì che è iniziato il mio lungo percorso. Ed è lì che ancora oggi mi piace tornare, di tanto in tanto.


ANDATA E RITORNO
Da Poggio, a dire il vero, sono partito presto. Giovanissimo, insieme ai miei genitori mi trasferii a Sarzana, in Liguria, e lì ebbe inizio la mia prima attività sociale nei boy scouts e nel mondo cattolico. In Toscana tornai nel 1968, mentre il mio impegno nella sinistra extraparlamentare iniziava a essere sempre più predominante. Militavo in Lotta Continua, che pur forte non era numerosissima e, solo per questo, in Provincia, diventai uno dei punti di riferimento di quell'area politica. Mi interessavo soprattutto di iniziative culturali e nel Valdarno organizzai uno dei primi grandi concerti rock: VALDARNOCONTRO.


L’ENEL E LA CGIL

Qualche anno più tardi, nel 1973, iniziai a lavorare alla miniera ENEL di Santa Barbara e mi trovai velocemente coinvolto nel mondo dell'attività sindacale, assumendo molti incarichi nella CGIL settore energia. In quello stesso periodo iniziai a collaborare con le prime televisioni e radio libere toscane, ad una in particolare sono molto legato radio emme, in prevalenza curavo programmi politici e culturali. Collaboravo anche con numerose riviste e da allora sono iscritto all'Ordine dei Giornalisti.

LA GRANDE ARCA
Nel 1978 decisi di trasferirmi a Cavriglia e, coinvolto dall'intelligenza e dalla passione politica di Enrico Berlinguer, mi iscrissi al PCI. Per il Sindacato iniziai a occuparmi sempre più di attività culturali e ricreative e per dieci anni sono stato presidente regionale dell'ARCA ENEL, grande associazione culturale, assistenziale e ricreativa che tra le sue numerose attività conta anche lo storico cinema d'essai fiorentino Spaziouno. Furono quelli gli anni in cui crebbero i miei rapporti e le mie conoscenze nel mondo della cultura e dello spettacolo.

IL MESTIERE PIU’ BELLO DEL MONDO
Nel 1985 venni eletto in Consiglio Comunale a Cavriglia e ottenni l'incarico di Assessore alla Cultura e all'Ambiente. Poi, nel 1991, iniziai a fare quello che ancora oggi considero il mestiere più bello del mondo: il Sindaco. Diventai Sindaco di Cavriglia, il Sindaco DS più votato d'Italia! Ero felice, perché vedevo che il mio lavoro dava risultati importanti: tariffe tra le più basse della Regione, solidità nel bilancio, sviluppo economico e tutela ambientale. Ne sono testimoni oggi le tante e nuove attività agricole e turistico-ricettive, la trasformazione a metano della Centrale ENEL e la realizzazione della grande area industriale di Bomba,
la vasta area naturale "dove c'era la miniera". In più, proprio in quel periodo, il Comune di Cavriglia si trasforma in set e cittadella del cinema per importanti film come "ivo il Tardivo" di Alessandro Benvenuti e "Il più lungo giorno" di Roberto Riviello e video musicali (come come "vivo forte" per i Nomadi o "Bombaboomerang" per Piero pelù. Grazie ai rapporti che avevo creato negli anni precedenti, Cavriglia diventò ben presto il luogo in cui personaggi della politica, della cultura e del costume italiano trovavano ospitalità e buen retiro. Anche il mio amico Sergio Cofferati inizia a frequentare Cavriglia e ne diviene cittadino onorario. , così come era avvenuto nel 1996 con Alessandro Benvenuti, con gli amici di sempre Piero Pelù, Negrita, Bandabardò fondai una squadra di calcio, la TNT Artisti Toscani e solidarietà, attiva in numerosi progetti umanitari e solidaristici.

INSIEME, ANCORA
L’anno scorso, appesa al chiodo la fascia tricolore, sono tornato a lavorare dopo oltre venti anni nella miniera di Santa Barbara, senza però trascurare il mio impegno politico e umanitario. Ho avviato una collaborazione con l’Organizzazione non governativa e di solidarietà internazionale UCODEP, ho iniziato a collaborare con la Camera del lavoro di Firenze e con la CGIL nazionale per l’organizzazione in Toscana del Centenario della CGIL. Recentemente ho avviato anche una maggiore collaborazione con l’ARCI, con Arezzo Wave ed altri festival musicali della Toscana. Sono anche stato presidente (sezione di Cavriglia) dell’associazione “Aiutiamoli a vivere”, che si prende cura dei bambini bielorussi colpiti dalle radiazioni nucleari di Chernobyl. Credo che la mia candidatura al Consiglio regionale della Toscana sia nata proprio dal riconoscimento che in tantissimi cittadini, con le primarie del mi hanno voluto dare con oltre 7000 preferenze! Adesso con il lavoro che ho avviato e che sto provando, anche attraverso il sito di darne conto, cercherò di portare a piena sintesi la mia ricca e articolata esperienza politica e culturale. Con le primarie del Partito Democratico sono stato eletto nell’Assemblea Nazionale Costituente.

Sono sposato con Silvana e ho un figlio Francesco, che è nato in un anno simbolicamente significativo per la storia contemporanea il 1989.

Enzo Brogi