Ci sono 1065 Blog di discussione inseriti | Pagine inserite: 54 | Siete a pagina 25

Appunti in ordine molto sparso

Ho partecipato ad un paio di programmi elettorali nelle televisioni locali e adesso, arrivato a casa, non riesco a dormire. Provo a buttar giù in ordine assai sparso e disomogeneo qualche riflessione, che ne pensate?

 

Il risultato elettorale del PD, se non avessi vissuto in Valdarno,  sarebbe stato molto deludente, vivendo qua, dove abbiamo riconfermato tutti i nostri Sindaci, in alcuni casi anche con risultati bulgari, è semplicemente deludente.

 

Mi consolano successi come quello clamoroso di Debora Serracchiani alle europee o di Maurizio Viligiardi al Comune di San Giovanni Valdarno oltre che del "mio" sindaco Ivano Ferri che ha superato il 70% dei consensi. Questi risultati dimostrano, sia pur da angolazioni assai differenti, che il coraggio di rinnovare e di affidare ad energie meno “in line” diviene pratica obbligata ed irrimandabile se non si vuol soccombere.

 

Candidati condivisi, radicati e scelti dagli elettori e non dalle segreterie, lobby o conventicole varie.

Non sono contento dei comuni che abbiamo perso anche nella nostra provincia. Se avessimo avuto più Partito, più coraggio, maggiore  senso di appartenenza, assieme a candidati con minori personalismi e maggior appeal ritengo che alcune sconfitte potevano non esserci.

 

Non sono neppure contento del ballottaggio in Provincia di Arezzo, certo l’assenza dell’alleanza con Rifondazione non ci ha aiutato, ma dovremo maggiormente riflettere su ciò che è accaduto.

 

Perdere sette  punti percentuali in un anno, comunque la si veda, è un cataclisma; io penso che  il 26 per cento sia una percentuale risibile per una forza che aspira a governare il Paese. E vedere il partito in Lombardia - la più importante regione d’Italia - al 21%, addirittura sotto la percentuale siciliana, lascia veramente da pensare.

 

Mi auguro che a partire dalla Assemblea nazionale e su su fino al Congresso non si riparta con balletti, critiche ed analisi dei “soliti noti", Francescini e Bersani compresi, e si riesca a passar la mano a risorse più fresche, dinamiche ed in grado di portarci ai nuovi appuntamenti con progetti, idee e pensieri più radicati e più umili. In ogni partito democratico e progressista che si rispetti, stamattina i dirigenti dovrebbero essere tutti dimissionari. Un serio processo di rinnovamento nel PD a questo punto non è più rinviabile, non sopporto più il sentimento di autoreferenzialità e superiorità morale, politico, ideologico che pervade molta parte della nostra sinistra e della sua classe dirigente.

 

Mi addolorano ed infastidiscono anche tutte le divisioni e supponenze che abbiamo a sinistra, vorrei che venissero superate. Unità, coraggio, rinnovamento...è possibile che siano sufficenti due comunisti per fare tre partiti?

 

Anche Berlusconi ha preso un colpo, molto duro e non lo ha neppure nascosto, dicono che sia furibondo. Ma la destra non ha retrocesso. Questo vuol dire che saranno ridotti i pericoli di una accelerazione in senso autoritario delle riforme governative e che si aprirà una dialettica al loro interno dopo una stagione segnata da un potere monocratico e assoluto.

 

Di Pietro e la Lega  hanno ottenuto un buonissimo risultato. Me ne farò una ragione.

Buone cose a tutti... e proviamo a rimetterci a lavorare.

Inserito da enzo , martedì 9 giugno 2009 alle 02:18 | Commenti (23)

viva l'italia

Oggi l'Europa si è svegliata più a destra e più xenofoba, Berlusconi ha perso le elezioni, ma non le ha perse il centrodestra. Il PD non crolla, ma arretra di sei punti! Sono molto triste.

Viva l'Italia, l'Italia che non muore. Viva l'Italia, presa a tradimento. Viva l'Italia che resiste.

Inserito da enzo , lunedì 8 giugno 2009 alle 12:14 | Commenti (1)

Cari amici miei, non fatevi detestare!

Forse qualcuno ricorderà l'amaca di Michele Serra del 13 Aprile 2008 prima delle ultime elezioni, mi piace riproporvela, è ancorpiù attuale

Andare a votare mi è sempre piaciuto, amo la banalità della democrazia, nutro simpatia per i seggi, gli scrutatori, i tabelloni appesi, le guardie che guardano, la matita copiativa. Mi emoziono ogni volta, anche se le volte oramai sono tante. Non ho mai capito l’ignavia dei disinteressati, dei non partecipi per menefreghismo, e fatico a digerire anche la spocchia di quelli che non vanno a votare perché “non si riconoscono” in nessun partito, chissà in che cosa si riconosceranno, nel Re di Atlantide, negli anelli di Saturno, nella barba di Bakunin, nella loro mamma?
Temo proprio che perderò anche questa volta, d’altra parte questo è sempre stato un Paese di destra, cattolico e di destra, gli elettori di sinistra sono abituati a perdere da generazioni, di padre in figlio, ci sono quelli che lo fanno apposta e votano l’estrema perché è bello sentirsi pochi ma buoni, ci sono quelli che invece cercano di fare mucchio (come me) ma passano gli anni e il mucchio non è quasi mai abbastanza grosso per governare. Da quando vado a votare ho vinto solo un paio di volte su venti, è una media da retrocessione. Incredibilmente ci credo ancora, mi piace ancora, specialmente se penso a tutta la brava gente che si è fatta un gran mazzo in campagna elettorale. Ho un paio di amici che rimarranno a casa, a misurare la puzza sotto il naso. Da dopodomani gli vorrò bene lo stesso, oggi no. Oggi li detesto.

 

Inserito da enzo , sabato 6 giugno 2009 alle 20:05 | Commenti (3)

Ferma la destra, vai a votare PD


Cara, caro,
ci dividono ormai poche ore dal voto di sabato e domenica, ma sono certamente le ore più importanti e più utili per convincere anche gli ultimi indecisi della qualità delle nostre proposte e dei nostri candidati.
Ti scrivo per chiederti un ultimo sforzo per concentrare al massimo il nostro lavoro fino all’ultimo momento disponibile per contattare quante più persone possibile, per motivare conoscenti e amici nell’attivarsi in tutti i comuni della nostra regione affinchè si eviti al massimo il rischio dell’astensionismo dei nostri elettori.
Dobbiamo tentare ogni strada utile per non lasciare indietro nessuno, per contribuire al massimo a che l’affluenza dei nostri elettori sia la più alta possibile. Tutti gli indicatori in nostro possesso ci dicono che un nostro buon risultato dipende molto da un’alta partecipazione al voto dei nostri elettori: il contributo e il sostegno che ogni elettore o elettrice può darci sarà infatti decisivo, sia per il voto al PD sia per quello a tutti i nostri candidati nei comuni e nelle province.
Il Partito Democratico rappresenta l’unica vera forza di opposizione al governo di destra, l’unico progetto realmente alternativo a Berlusconi e alle sue politiche disastrose; in Toscana siamo forza di governo responsabile e seria, rappresentiamo culture politiche che hanno contribuito a rendere grande la nostra terra garantendole sviluppo e coesione sociale, dobbiamo rendere ben chiaro a tutti i nostri elettori l’importanza del voto di sabato e domenica, e quanto, da questo risultato, dipenda il futuro del nostro progetto per la Toscana stessa.
Abbiamo bisogno del lavoro che tutti insieme possiamo fare negli ultimi due giorni di campagna elettorale, con il porta a porta e con il contatto personale con tutti i nostri conoscenti, ma anche nei giorni in cui si svolgeranno le operazioni di voto cercando di convincere quanti più amici e simpatizzanti possibile a dare il loro contributo sostenendo il PD e i nostri candidati.
Dalla Toscana può ripartire con forza il progetto del PD. Abbiamo un dovere grande, nei confronti di chi fino ad oggi ha creduto in noi, ma soprattutto nei confronti delle giovani generazioni a cui vogliamo destinare un paese migliore e diverso.
Per questo ti chiedo un ultimo, decisivo sforzo e per questo ti auguro, con riconoscenza, un buon lavoro.
Un saluto caro
Andrea Manciulli

------------------------------






Inserito da enzo , venerdì 5 giugno 2009 alle 10:33 | Commenti (1)

Per il voto...

Giovedì 4 giugno ore 21,30 chiusura della campagna elettorale a S. Giustino Valdarno.
Interverranno:
Enzo Brogi, consigliere regionale
Vincenzo Ceccarelli, Presidente Provincia di Arezzo
Piero Lazzerini, candidato a Sindaco

---------------------------------
Per Flavio Biondini Sindaco
Appello in sostegno alla lista “Centrosinistra per Subbian

Siamo cittadine e cittadini che conoscono e amano Subbiano e per questo hanno a cuore il suo futuro. Pensiamo che, negli ultimi anni, Subbiano abbia conosciuto una stagione di buongoverno e di crescita in diversi campi: dall’economia al turismo, dai servizi sociali alla cultura. Questo è stato possibile grazie all’impegno di tutti coloro che hanno avuto la responsabilità dell’amministrazione comunale e di coloro che hanno ben operato nelle società, nell’associazionismo, nel volontariato.
In particolare, Subbiano ha consolidato la sua posizione, non solo geografica, di porta del Casentino, una delle bellezze paesaggistiche più importanti della Toscana. Ciò è avvenuto anche grazie alla scelta strategica di investire in relazioni e rapporti proficui tra gli enti e le amministrazioni, a partire dalla Comunità Montana e dalla Provincia di Arezzo.
Le ricadute, in termini di sviluppo economico, culturale e turistico, sono sotto gli occhi di tutti.
Occorre continuare su questa strada per raggiungere nuovi traguardi e le elezioni amministrative del 6 e 7 giugno sono un’occasione per farlo, respingendo anacronistici localismi, sterili chiusure che porterebbero all’isolamento dalla comunità casentinese, aretina e toscana, con il rischio di interrompere il processo virtuoso già in atto.
Siamo convinti, per averlo conosciuto in questi anni, che il candidato sindaco del Centrosinistra Flavio Biondini rappresenti ottimamente queste esigenze: per la coerenza e le capacità, per la sua consolidata esperienza, per la personalità di bravo amministratore apprezzata anche fuori i confini comunali. Pensiamo che con Biondini sindaco, Subbiano possa guardare con fiducia e sicurezza al futuro. Riteniamo che con Biondini sindaco si possa rinnovare un rapporto fecondo tra il comune e le altre realtà regionali, in modo da rafforzare il prestigio di Subbiano in tutta la provincia e in Toscana.
Pensiamo che questo ruolo per Subbiano possa essere svolto solamente da Flavio Biondini, anche per la sua affidabilità e la sua coerenza. Noi pensiamo che solamente chi è rigoroso nella selezione e nel rispetto degli impegni e delle alleanze può dare ed avere fiducia dai cittadini.

Tito Barbini
Opinionista -scrittore
Enzo Brogi
Consigliere regionale
Marco Brogi
Sindaco di Capolona
Vincenzo Ceccarelli
Presidente Provincia di Arezzo
Riccardo Conti
Assessore regionale
Paolo Hendel
Attore
Giorgio Kwiatkowski
Membro Direzione provinciale PD Arezzo
Andrea Manciulli
Segretario PD Toscana
Roberto Mariottini
Presidente Comunità Montana del Casentino
Donatella Mattesini
Parlamentare
Marco Meacci
Segretario provinciale PD
Riccardo Nencini 
Presidente del Consiglio Regionale della Toscana
Mirella Ricci
Vice Presidente della Provincia di Arezzo
Romeo Romei
Vice Presidente Federcaccia Toscana
Gianni Salvadori
Assessore regionale
Roberto Vasai
Candidato a Presidente della Provincia di Arezzo
Franco Vaccari
Candidato al Parlamento Europeo
Nicola Visi
Coordinatore PD Subbiano

leggi >>>

Inserito da enzo , giovedì 4 giugno 2009 alle 09:54 | Commenti (4)

Cultura a San Giovanni

Fare cultura, costruire il futuro
per una San Giovanni
"Città della Cultura"
Intevegono:
Paolo Cocchi
assessore cultrura - Regione Toscana
Enzo Brogi
Consigliere regionale - Commissione cultura
Stefano Beccastrini
Operatore culturale -Cineteca nazionale

Mercoledì 3 giugno ore 21,30
Piazza Cesare Battisti, San Giovanni Valdarno

Inserito da enzo , martedì 2 giugno 2009 alle 12:00 | Commenti (2)

Immigrazione (Atto III)

Domattina in Consiglio ci confronteremo  ancora con il centro destra per la  legge sull’immigrazione, sicuramente sarà una nuova giornata pesante da trascorrere, parole grevi da ascoltare. Mi piacerebbe che lassù al centro, dove siedono i Presidenti all’improvviso  calasse uno schermo e potessero  essere proiettati, in sequenza, due perle amare, toccanti “Pane amaro”, il film documentario del giornalista e regista italoamericano Gianfranco Norelli, che rievoca ed esamina alcuni fra gli eventi piu’drammatici e meno conosciuti nella storia di oltre cinque milioni di immigrati italiani negli Stati Uniti,  arrivati fra il 1880 e la seconda guerra mondiale. Ed a seguire  “Come un uomo sulla terra”, il documentario di Riccardo Biadene, Andrea Segre, Dagmawi Yimer sui migranti verso l’Italia. . Illuminanti, molto più di ogni parola. Se potete trovate il modo di vederli.  

Inserito da enzo , domenica 31 maggio 2009 alle 08:27 | Commenti (0)

Domani vediamoci a...

Firenze, Fortezza da Basso ore 11,00
 
Tavola rotonda
"L'economia criminale nel tempo della crisi"

Percorso principale: Economia responsabile
Percorso secondario: Pace e giustizia sociale
Organizzatore: Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie

Saluto istituzionale ENZO BROGI Consigliere Regione Toscana
Coordina
TIZIANA BARILLA' Liberainformazione
Intervengono:
BRUNO AMOROSO Docente di Economia Internazionale e delle sviluppo presso l'università Roskilde in Danimarca
PIERPAOLO ROMANI Coordinatore Nazionale di Avviso Pubblico, Enti Locali e Regioni per la formazione civile contro le mafie.
PIERLUIGI VIGNA Già Procuratore Nazionale Antimafia
TONIO DELL'OLIO Responsabile del settore internazionale di Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie
--------------------

Cavriglia, ore 17,00
Sala del Consiglio Comunale


Presentazione pubblicazione e mostra
I SILENTI COLORI DEL MONDO
Carlo Posfortunati: 50 anni di pittura (1959-2009)
Partecipano
Enzo Brogi
Stefano Beccastrini

----------------------------

S. Giovanni Valdarno, libreria Fahrenheit ore 18,00


Presentazione del libro
Niente è caduto sul fiume. Un pensiero in rivoluzione
di Marta Chironi

Interviene:
Enzo Brogi, consigliere regionale

 

Inserito da enzo , venerdì 29 maggio 2009 alle 00:16 | Commenti (1069)

Immigrazione: oggi in Consiglio

Molti i personaggi che in questi giorni sono usciti sui principali quotidiani a sostegno e in difesa di una legge che rappresenta un grande esempio di civiltà da parte della Toscana: Adriano Sofri, Massimo D’Alema, Alessandro Schiavone... Mi ha fatto molto piacere. E’ il segno che condividevano qualche mia preoccupazione nei confronti di una destra che sta scorrettamente strumentalizzando una polemica soprattutto a fini elettorali.
Ma è soprattutto il segno – e questo è ciò che più mi conforta – che la sinistra è ancora in grado di fare squadra ed assumere posizioni ferme e forti quando ad essere in gioco sono la dignità e i diritti dei cittadini.

Vi propongo un estratto dell'articolo di Adriano Sofri (la repubblica, 26 maggio 2009)

...La legge toscana si ispira al "primato della persona" e all´uguaglianza. All´uguaglianza, non a un privilegio rovesciato. Si propone di tutelare l´intera cittadinanza facilitando la vita quotidiana e famigliare degli stranieri che vivono e lavorano regolarmente in Toscana, che sono già 350 mila circa, e si avvicinano al 10 per cento della popolazione. Promuovere l´insegnamento della lingua e l´educazione civica. Tenere in conto i titoli professionali acquisiti nei paesi di provenienza. Riservare un´attenzione ai richiedenti asilo, ai minori e alle donne incinte, alle vittime di tratta e sfruttamento, ai detenuti. Prevenire le mutilazioni genitali femminili. Aiutare nelle pratiche per il soggiorno, la cittadinanza, i servizi sociali. La Toscana è accusata per simili spropositi di voler essere "la prima della classe". Quando fosse, sarebbe un bel primato. (Adriano Sofri)

Inserito da enzo , mercoledì 27 maggio 2009 alle 06:24 | Commenti (3)

Mauro Rostagno
Mostra immagine a dimensione interaUna candela, dopo 20 anni, si è accesa, oramai inaspettata ed illumina il sorriso di un uomo grande, dalla voce libera, Mauro Rostagno.
Inserito da enzo , domenica 24 maggio 2009 alle 23:34 | Commenti (3)

il mio pensare

Il titolo  era "Il treno delle otto". Avevo scritto per Il Tirreno ciò che l'altra mattina mi era successo in treno discutendo con amici passeggeri della legge sull'immigrazione: vivaddio non si era parlato, come spesso avviene di sport, veline e tronisti...tutte cose interessanti, ma a giuste dosi! Ebbene, dopo che io avevo raccontato l'episodio del treno per cercare di far capire come la destra, strumentalizzando la campagna elettorale avesse fatto crescere sentimenti di paure e animoisità xenofobe, sono divenuto per la stampa una specie di paladino di chi voleva rinviare tutto (...>>>), (... >>>)
Non mi piace per niente questa lettura, vorrei che rileggeste ciò che ho scritto
senza il titolo dei giornali!

A tal riguardo mi fa piacere anche riproporvi ciò che solo la settimana scorsa avevo scritto su questo blog e ciò che mi ha risposto, tra gli altri; Piero Nissim. Questo è il mio pensare sull'argomento:

(lettera ritrovata nel Mediterraneo in una immaginaria bottiglia di cocacola)
Caro babbo, non so se qualcuno potrà mai recapitarti questo foglio scritto in una condizione davvero tremenda, siamo tanti qua sopra, centinaia: donne, uomini, bambini pianto, piscio vomito e disperazione tutto ben miscelato. Lo affido a questo mare della speranza e spero che qualcuno possa raccoglierlo e laggiù recapitartelo e leggertelo. Vedo davanti a noi navi minacciose con gente in divisa, la bandiera la riconosco è quella italiana e non so ciò che accadrà. Babbo mi hai fatto studiare al nostro paese ed io volevo aiutar la mia famiglia, cambiare le nostre condizioni di vita, ma mai avrei pensato di esser costretto a salire in questi barconi dopo aver fatto centinaia di chilometri, notti e giorni tra deserto, camion, polvere, sudore e morti, ma anche nascite, due bambine sono adesso con noi .
Babbo ma quelli che ora stanno per respingerci erano fino a qualche decennio fa anche loro dei disperati, migranti e clandestini? Ho studiato, l’ho letto nei libri. Ma ho anche letto che non dovrebbero esserci clandestini, ma esseri umani, persone, come te babbo, come la mamma, i nonni…tutti i miei fratelli e sorelle, proprio come loro…io non conosco le loro storie, ma ho letto dei loro nonni e dei nonni dei loro nonni, erano soldati in guerre che non sapevano, contro gente che non conoscevano e non odiavano, pastori transumanti da terra a terra…anche loro in navi per paesi lontani dove dovevano sudare, lavorare, lottare per essere accettati, capiti. Quindi anche loro migranti, clandestini…o più semplicemente gente che si muoveva da un luogo ad un altro per campare, per una esistenza più umana, più giusta…perchè babbo, perché tutto questo? Ed ora diranno che ci respingono perché altrimenti avremmo inquinato, aggredito, offeso il “loro” mondo che invece sarebbe così pulito ed onesto…non capisco babbo, ma credo proprio che in questo mondo siamo tutti un po’ clandestini! Ecco che la nave è sopra noi, ancora grida pianti… noi saremo scacciati, abbandonati…forse naufraghi. Ciao babbo. (enzo brogi)

Caro figlio,
affido questa mia lettera ad un piccione viaggiatore,anche lui migrante. Certo ci sarebbe anche internet,più veloce;ma ho paura che entro breve ce lo oscureranno a tutti: troppo pericoloso,interattivo e incontrollabile per lor signori...
Ho ricevuto in modo fortunoso il tuo messaggio nella bottiglia (la prossima,ti prego,non di cocacola concentrato di gas-veleno autorizzato...) e ho pianto di rabbia per il senso di impotenza che ho provato,per non avere risposte alle tue drammatiche domande.
Ma non dobbiamo disperare. Certo il Male avanza,insieme all'egoismo alla grettezza e all'arroganza,ma cresce anche e ovunque un'altra umanità fondata su altri valori.Anche in questo Paese che oggi brutalmente ti respinge,ci sono tanti piccoli,grandi segni di un'altro modo di vivere e di agire: un volontariato multiforme e capillare,i ragazzi di Locri,i giovani dell'onda,i nuovi contadini nelle terre confiscate alla mafia. E ci sono persone coraggiose (Roberto Saviano,Maria Falcone,Don Ciotti,e tanti altri...),che rischiando in proprio girano fra la gente,nelle scuole,nelle Università,parlano,informano,ascoltano... Dobbiamo avere fiducia nel futuro! M.L.King diceva "I have a dream" e solo per averlo gridato forte fu ucciso.Ma il suo sogno non è morto. Ora si dice con fermezza:"We can!",noi possiamo,possiamo realizzarlo.
Abbi cura di te,caro figlio,e mi raccomando continua a studiare anche se i libri a volte dicono cose diverse dalla realtà. Ma la cultura e la memoria storica sono la nostra forza,tanto quanto l'ignoranza e la miseria morale sono la loro debolezza.
Spero di riabbracciarti presto e di poter vivere insieme a te in una Terra pacificata,in una Patria che sia il mondo intero. Babbo (Piero Nissim)

Inserito da enzo , venerdì 22 maggio 2009 alle 18:16 | Commenti (2)

Il treno delle otto

Il  mio treno è pieno di universitari, commessi, impiegati, il treno delle otto. Prevalenza ceto piccolo  (ma piccolo!) borghese. Qualche giornale aperto, molte cuffie nelle orecchie.   Tutti più o meno di vista ci si conosce. Molti conoscono la mia faccia ed il mio mestiere, complici le televisioni private che ogni tanto parlano con me  e così talvolta mi cercano per discutere di politica, di questioni che riguardano la nostra regione, soprattutto di trasporti.

 

Stamani no, si parla della legge sull’immigrazione che discuteremo stamani in Consiglio. Non è facile far capire che i lavoratori stranieri regolari, risorsa e contributo alla nostra economia devono avere gli stessi diritti della “nostra gente”. Non è facile far capire che i loro figli devono avere gli stessi diritti e doveri dei nostri figli: sono nati nella nostra Regione, frequentano le scuole frequentate dai nostri figli, chiedono la Coca cola con la stessa “c” strascicata. Non è facile far capire che solamente con regole e strumenti che garantiscano tutti si possa favorire sicurezza e legalità. 

 

Sono preoccupati i miei compagni di viaggio, e discutono animatamente con me: “avranno la precedenza per le case popolari, per le visite mediche, porteranno violenze e delinquenza, non possono avere i nostri stessi diritti!” Io provo a far capire loro che  manca una politica nazionale sull’immigrazione, che vi è una modestissima cultura sull’accoglienza,  ma tutto – in questi giorni - è invelenito dalla campagna elettorale. Vengono dette inesattezze gravi, prevalgono pensieri xenofobi e razzisti.

 

Sono molto preoccupato, forse una legge come questa, così importante, dai giusti principi e che tenta di aprire una riflessione coerente su chi sono per noi i migranti avrebbe dovuto avere una stagione migliore di questa troppo invelenita dalla campagna elettorale,  avrebbe richiesto un momento migliore e un tempo maggiore, per essere discussa e ben compresa dai nostri cittadini.

Inserito da enzo , mercoledì 20 maggio 2009 alle 13:12 | Commenti (2)

Insieme per la cultura

Mercoledì 20 maggio ore 21,15
Terranuova Bracciolini, Parco Pubblico Attrezzato

Intervengono:
Daniele Malvisi
Mauro Rossinelli
Mauro Chechi
Marcella Gossinelli
Alessandro Perpich
Mauro Amerighi
, candidato a sindaco del Comune di Terranuova Bracciolini
Enzo Brogi

Inserito da enzo , mercoledì 20 maggio 2009 alle 09:13 | Commenti (1)

aria pesante
Il segreatario della FIOM Rinaldini che viene strattonato giù dal palco, focolai di scontri di studenti e poliziotti nelle piazze, quest'aria non mi piace proprio per niente!
Inserito da enzo , lunedì 18 maggio 2009 alle 17:06 | Commenti (1)

Con Veltroni per Luca Flores


E' sempre una grande occasione raccontare la storia di uno straordinario talento che molto presto ha lasciato la nostra terra ma, certamente, non le nostre emozioni...
E sono molto contento che a farlo con noi sia Walter Veltroni e il suo "Il disco del mondo". Spero di incontrarvi.

Inserito da enzo , sabato 16 maggio 2009 alle 14:39 | Commenti (4)

Message in a bottle...
 (lettera ritrovata nel Mediterraneo in una immaginaria bottiglia di cocacola)

Caro babbo, non so se qualcuno potrà mai recapitarti questo foglio scritto in una condizione davvero tremenda, siamo tanti qua sopra, centinaia: donne, uomini, bambini pianto, piscio vomito e disperazione tutto ben miscelato. Lo affido a questo mare della speranza e spero che qualcuno possa raccoglierlo e laggiù recapitartelo e leggertelo. Vedo davanti a noi navi minacciose con gente in divisa, la bandiera la riconosco è quella italiana e non so ciò che accadrà. Babbo mi hai fatto studiare al nostro paese ed io volevo aiutar la mia famiglia, cambiare le nostre condizioni di vita, ma mai avrei pensato di esser costretto a salire in questi barconi dopo aver fatto centinaia di chilometri, notti e giorni tra deserto, camion, polvere, sudore e morti, ma anche nascite, due bambine sono adesso con noi .
Babbo ma quelli che ora stanno per respingerci erano fino a qualche decennio fa anche loro dei disperati, migranti e clandestini? Ho studiato, l’ho letto nei libri. Ma ho anche letto che non dovrebbero esserci clandestini, ma esseri umani, persone, come te babbo, come la mamma, i nonni…tutti i miei fratelli e sorelle, proprio come loro…io non conosco le loro storie, ma ho letto dei loro nonni e dei nonni dei loro nonni, erano soldati in guerre che non sapevano, contro gente che non conoscevano e non odiavano, pastori transumanti da terra a terra…anche loro in navi per paesi lontani dove dovevano sudare, lavorare, lottare per essere accettati, capiti. Quindi anche loro migranti, clandestini…o più semplicemente gente che si muoveva da un luogo ad un altro per campare, per una esistenza più umana, più giusta…perchè babbo, perché tutto questo? Ed ora diranno che ci respingono perché altrimenti avremmo inquinato, aggredito, offeso il “loro” mondo che invece sarebbe così pulito ed onesto…non capisco babbo, ma credo proprio che in questo mondo siamo tutti un po’ clandestini! Ecco che la nave è sopra noi, ancora grida pianti… noi saremo scacciati, abbandonati…forse naufraghi. Ciao babbo.

Inserito da enzo , mercoledì 13 maggio 2009 alle 10:52 | Commenti (789)

Appello...

Inserito da enzo , martedì 12 maggio 2009 alle 14:46 | Commenti (4)

Veltroni per Luca Flores...


E' sempre una grande occasione raccontare la storia di uno straordinario talento che molto presto ha lasciato la nostra terra ma, certamente, non le nostre emozioni...
E sono molto contento che a farlo con noi sia Walter Veltroni e il suo "Il disco del mondo". Credo che non possiate mancare

Inserito da enzo , martedì 12 maggio 2009 alle 14:45 | Commenti (3)

Insieme per Cavriglia

,

Sabato sarà l'occasione per conoscere tutti i candidati della lista "Insieme per Cavriglia"... Non mancate.

Inserito da enzo , martedì 12 maggio 2009 alle 14:45 | Commenti (2)

Amo l'ambiente, il progetto del CALCIT

AMO L'AMBIENTE DIFENDO LA VITA
PROGETTO PER UNA GIUSTA EDUCAZIONE ALIMENTARE ED UN CORRETTO STILE DI VITA

VENERDI’ 15 maggio 2009 ORE 10

SARANNO PRESENTI

Il Sindaco di Cavriglia
Ivano FERRI

L’Assessore Comunale alla Pubblica Istruzione
Leonardo DEGL’ INNOCENTI O SANNI

Il Presidente del CALCIT VALDARNO
Roberta SOLDANI

Il Responsabile della Sezione di Cavriglia del CALCIT VALDARNO
Renato SALUSTI

Il Consigliere regionale
Enzo BROGI

Il Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo “Dante Alighieri”
Giovanni MARTELLINI

U.F. Igiene Alimenti e Nutrizione USL8 AREZZO Zona Valdarno
Anna Lisa FILOMENA

Sarà offerta dalla Cooperativa di Consumo di Cavriglia, una colazione a base di prodotti tipici

Inserito da enzo , martedì 12 maggio 2009 alle 14:45 | Commenti (1234)

Page:  << Prev  1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25 26  27  28  29  30  31  32  33  34  35  36  37  38  39  40  41  42  43  44  45  46  47  48  49  50  51  52  53  54  Next >>
Torna in Home Page