Ci sono 1065 Blog di discussione inseriti | Pagine inserite: 54 | Siete a pagina 38

Raccontando Adriano Celentano


Come ogni anno, per la festa del Perdono di Cavriglia, ci inventiamo una serata per stare in Piazza tutti assieme, sfruttare un genere musicale o un cantante e, attraverso la loro musica, le loro canzoni raccontare annedoti, curiosità, costume...ed un po' di storia del nostro Paese. Dopo, la canzone di protesta, Lucio Battisti, i complessi, Gianni Morandi...quest'anno si racconta e si canta Adriano Celentano.
Saranno sul palco dei bravi amici cantanti della nostra terrra che per una sera ci regaleranno il loro tempo e le loro emozioni: Pamela Aglietti, Riccardo Aglietti (Paolo Riviera), Marco Badiali, Simone Baldini, Giampiero Bigazzi, Anna Butteri, Gino Dei, Antonio Gabellini (Superpippo), Carmelo Librizzi, Giammarco Lovari, Giovanni Morandini, Giovanna Sarri, Valter Sterbini, Roberto Vasarri, Massimiliano La Rocca ...e sicuramente, come ogni anno, ci sarà anche qualche gradita sorpresa. Ci faranno ascoltare i più grandi successi del "molleggiato"... ma il coro più forte arriverà senza dubbio dalla piazza. Io proverò, come al solito, a tenere tutto assieme...ah! dimenticavo, la data è Martedì 5 agosto, e la serata sarà ripresa e poi trasmessa da TV1.
scarica la locandina >>>

Inserito da enzo , venerdì 25 luglio 2008 alle 00:56 | Commenti (748)

Il lavoro interrotto... a Monte San Savino


Sto leggendo il libro di Cesare Damiano, "Il lavoro interrotto. Precari, sicurezza e salari in un mondo che vuole cambiare".

Lunedì 28 luglio ore 21,30 alla Festa del Pd a Monte San Savino parteciperò ad un incontro, ci saranno anche rappresentatnti delle categorie economiche e sindacali.. Sarà l'occasione per parlare del suo volume, del suo percorso politico e sindacale, ma soprattutto per aprire un confronto e un dibattito sulle principali questioni sul tema di lavoro e che lo hanno visto inteprete di primo piano soprattutto negli anni in cui è stato Ministro. Siete invitati.
programma >>>

Inserito da enzo , giovedì 24 luglio 2008 alle 23:18 | Commenti (0)

Ma quale sicurezza?


Difficile pensare a città e periferie più sicure quando si annunciano, da  parte del governo tagli alla sicurezza per miliardi di euro. Come  denunciato dalle organizzazioni di rappresentanza dei lavoratori delle forze  di polizia e delle forze armate nella manifestazione dei giorni scorsi, la  nuova finanziaria priverà il nostro Paese di centinaia di commissariati  e di agenti oltre che dei fondi necessari all'acquisto e al mantenimento delle auto di servizio e degli strumenti per il regolare funzionamento degli uffici.
La situazione è molto preoccupante anche in Toscana, dove i tagli in questione andranno a penalizzare ulteriormente anche un settore importante e delicato come quello dei presidi di pubblica sicurezza presso le stazioni
ferroviarie. Ne è un esempio l'ufficio della Polfer di San Giovanni Valdarno, ridotto orami al minimo di personale e impossibilitato, dunque, a svolgere adeguatamente i servizi di vigilanza ai pendolari, scorte ai convogli, sorveglianza delle stazioni.  Pare addirittura che il Ministro degli Interni ne abbia decretato la prossima chiusura, con la conseguenza che il nostro  territorio, resterà completamente scoperto da ogni presidio. Una decisione assurda, se pensiamo al concetto di sviluppo della città metropolitana e alla conseguente crescita di cittadini pendolari.
A tal proposito condivido pienamente l'allarme lanciato nei giorni scorsi dal Sindaco Mauro Tarchi e sono naturalmente disponibile a sostenere tutte le azioni che si renderanno necessarie ad assicurare ai numerosi pendolari del Valdarno questo prezioso servizio. Polizia ferroviaria vuol dire garantire prevenzione e repressione dei reati a bordo dei treni e in stazione ma, significa anche assicurare binari liberi da ostacoli, interventi in caso di incidenti e calamità,  sorveglianza. Intanto ieri in Consiglio regionale abbiamo proposto e approvato una mozione (in allegato) che invita ad intervenire presso il Governo al fine di  concretizzare un recupero integrale delle risorse decurtate al comparto delle forze di polizia e delle forze armate sin dal bilancio 2009, superando il blocco del turn over, il taglio ai trasferimenti per la manutenzione e la funzionalità delle strumentazioni, le penalizzazioni ai livelli retributivi ordinari ed accessori del personale, il depotenziamento dei presidi di  pubblica sicurezza presso le stazioni ferroviarie.
 il testo della mozione >>>

Inserito da enzo , giovedì 24 luglio 2008 alle 23:17 | Commenti (5)

Yallah, musica!



Vi segnalo l'interessante concerto "YALLAH, MUSICA!" di una orchestra di 33 elementi frutto di un gemellaggio tra la scuola di musica "Al Kamandjati"di
Ramallah, Palestina e la scuola di musica dell'associazione "Primamateria"
di Montespertoli.
L'orchestra di giovani di età compresa tra 10 e 19 anni è il momento finale  del gemellaggio di 2 settimane durante il quale i ragazzi hanno vissuto, studiato e girato l¹italia insieme con una turnee di concerti.
Il concerto si terrà in Piazza Berlinguer a Cavriglia il 2 agosto alle 18,30
Il programma musicale realizzato dall¹orchestra dei ragazzi palestinesi e italiani, sotto la direzione del Maestro Henry Brown, vuole rappresentare un  ponte tra culture diverse: dal francese Debussy passando per i Balcani con le Danze Rumene di Bartok, fino a giungere alla musica araba.
L'associazione no-profit "Al Kamandjati" è stata fondata nell'ottobre 2002 da
un giovane palestinese: Ramzi Aburedwan e come attività principale ha una scuola di musica a Ramallah con circa 150 giovani allievi. Per creare legami con il più elevato numero di bambini, di centri culturali ŠAl Kamandjâti organizza due volte all'anno workshop musicali e concerti per bambini che vivono nei campi di rifugiati di Ramallah, Hebron, Betlemme, Jenin, Nablus, Gerico, Tulkarem, Qalqilya, Gerusalemme, Gaza e del sud del Libano.

Inserito da enzo , giovedì 24 luglio 2008 alle 22:57 | Commenti (1242)

Caro Minoli, la storia siamo... anche noi


Il 4 luglio 1944 il Comune di Cavriglia fu scenario di uno dei massacri nazisti più feroci della storia della seconda guerra mondiale circoscritta all'Italia. Ben 191 uomini furono fucilati e bruciati dai soldati della Wehrmacht. Ma questa storia non è mai stata raccontata al grande pubblico. Per questo ho deciso di scrivere a Giovanni Minoli, direttore di Rai Educational e conduttore del programma "La storia siamo noi", invitandolo a fare un reportage su questo massacro. Un dolore e uno strazio di una comunità di minatori, contadini, povera gente che fu annientata in un solo giorno. Ne è una buona testimonianza il libro di Filippo Boni, "Colpire la Comunità" che su questo fronte apre nuovi spiragli sulla verità nascosta dietro la strage.
Speriamo di ricevere al più presto notizie da Minoli.

Inserito da enzo , giovedì 24 luglio 2008 alle 22:50 | Commenti (7)

Festeggiando Antonio Camici



Cavriglia è una terra carica di suggestioni, storia e cultura politica: il grande paesaggio lunare delle miniere di lignite, della centrale termoelettrica e del suo paese fantasma location naturale del bellissimo film di Alessandro Benvenuti. Il paese dell'eccidio nazifascista che colpì oltre duecento cittadini inermi, colpevoli solamente di vivere in un "paese simbolo" dove la resistenza ed il pensiero prima anarchico, poi socialista e comunista era radicato in ogni casa. Terra di lavoro duro e di miniere e minatori. Terra innamorata, come canta una nota canzone popolare su Cavriglia, terra eletta da tanti personaggi della cultura a buen ritiro come Gherardo Colombo, Piero Pelù...terra di cui è cittadino onorario Sergio Cofferati.
Ancora oggi ha percentuali bulgare e per ben due volte mi ha fatto eleggere a Sindaco con il risultato più alto del PDS prima e dei DS poi in Italia: 88,7°0% (risultato celebrato anche dagli scritti affettuosi ed amichevoli di Adriano Sofri) .
Primi non solo nei risultati, ma anche nelle sottoscrizioni, nella diffusione de l'Unità, nelle Feste...lo sapevano bene ed a noi ricorrevano sovente dirigenti ed amministratori della Federazione aretina. 
Cavriglia poi è ricca di compagni storici e valorosi dirigenti, parlamentari...anche il primo segretario regionale del PCI il Sen. Alessio Pasquini era un minatore di Cavriglia.
 
Ma soprattutto primi perché abbiamo un compagno dalla passione e dall'impegno raro: Antonio Camici, che da poche settimane ha compiuto 80 anni. “Una scelta di vita” la sua, come aveva scritto Giorgio Amendola, sicuramente una delle figure a cui Antonio si è sempre sentito ispirato. Di Amendola amava la sua determinata pacatezza, il suo rigoroso ragionare e soprattutto il suo riformismo. Nella sua libreria sicuramente non mancano i suoi libri.
Una vita interamente dedicata all’impegno politico, sociale, della sua comunità ed in particolare del suo Partito. Ha sempre anteposto ogni interesse alla ragione del partito. Ma lo ha fatto sempre in modo nobile, laico, aperto.
Difficile pensare a ciò che negli ultimi sessanta anni è successo a Caviglia, e spesso anche nella provincia di Arezzo, senza che Antonio abbia, con grande equilibrio, “detto la sua”.
Un compagno a cui nessuno di noi sa mai dire di no.
Senza alcuna retorica è opinione comune ritenere la sua figura e la sua autorevolezza ancora una risorsa riconosciuta per l’intero Partito della provincia di Arezzo.
Antonio si  è avvicinato alla politica ed alla sinistra giovanissimo, ha diretto il Partito Comunista ai vari livelli, si è impegnato prima nel sindacato minatori, poi in quello dell’energia fino alla metà degli anni sessanta quando fu eletto Sindaco di Cavriglia . Incarico che ricoprì fino al giorno in cui dovette abbandonare per un intervento alla testa, giudicato in quegli anni, ad elevatissimo rischio.
L’intervento, sia pur con una lenta ripresa e con qualche postumo ebbe grande successo, così da permettergli di riprendere con vigore l’impegno politico, accompagnando, sempre con un ruolo di primo piano,  il percorso storico del PCI fino alla recente nascita del PD.
Ma la sua vera forza emerge durante le campagne elettorali e nei momenti delle campagne di sensibilitazione e  mobilitazione del Partito. In quelle circostanze è incontenibile, iperattivo, attento ad ogni sollecitazione, impegnato dalla mattina alla sera in un esagerato lavoro di propaganda e di contatti…quasi fino a divenire insopportabile!...almeno per chi gli sta vicino, prima fra tutti sua moglie Lea.
Ancora oggi è amministratore della COOP del Comune, del PD, Presidente dell’AUSER, in vari consigli di Circoli sociali ed ARCI, sindaco revisore di una delle più grandi cooperative di produzione della Toscana….gli manca la bocciofila poi è ovunque!

Inserito da enzo , giovedì 24 luglio 2008 alle 21:42 | Commenti (2)

Il nuovo Piano sanitario regionale


Il nuovo Piano Sanitario che abbiamo definitivamente approvato in Consiglio Regionale con uno stanziamento di risorse di oltre 6 milioni di euro, costituirà un prezioso strumento per tutelare la salute dei cittadini.
Sono soddisfatto di un lavoro che evidenzia una forte scelta, da parte della sanità pubblica toscana, di stare più vicino ai cittadini, di voler rispondere ai bisogni della salute secondo i principi di appropriatezza, innovazione, efficienza economico-finanziaria. Uno sforzo prevalentemente diretto a migliorare la qualità delle prestazioni e che, quindi, non potrà prescindere anche dalla valorizzazione delle competenze professionali di tutti i nostri operatori. A questo si aggiunge l’impegno che la Regione si propone, di informare e raggiungere in modo sempre più puntuale le fasce più deboli della popolazione, quelle che più faticano di più ad usufruire dei servizi.
Ma se questi sono i confortanti principi cui la sanità toscana si è ispirata per una corretta gestione della salute dei cittadini, condivido invece pienamente le forti preoccupazioni dell’assessore Rossi nei confronti degli annunciati tagli del governo nazionale. Una politica che viene sciaguratamente prefigurandosi nel momento in cui, considerata la progressiva crescita della popolazione anziana e l’aumento della speranza di vita delle persone, le risorse per la spesa sanitaria dovrebbero, al contrario, essere aumentate (negli ultimi anni l’aspettativa media di vita in Toscana è salita ad 83 anni per le donne 77 per gli uomini).
I bilanci in pareggio della sanità riportati in questi anni collocano la Toscana fra le regioni più virtuose, nonostante i continui sforzi per il miglioramento dei servizi. Un percorso, il nostro, che si è posto dunque l’obiettivo di garantire un utilizzo più efficiente delle risorse, di ridurre gli sprechi, umanizzare e qualificare la rete ospedaliera. Il tutto, nell’ottica di un dovere etico che le istituzioni hanno nei confronti del diritto alla salute di tutti i cittadini.
Per questo dovremmo dare dura battaglia, a chi tenta di compromettere questo cammino(che ha visto scendere in campo anche Formigoni, il Presidente della Giunta regionale Lombarda!).
Fra le principali risorse stanziate dal piano, di cui si avvantaggerà anche la nostra realtà territoriale, si riconoscono indubbiamente quelle per la gestione delle patologie croniche, per il potenziamento del pronto soccorso sia sotto il profilo organizzativo che dell’accoglienza, per l’assistenza del ricoverato al momento in cui viene dimesso dalle strutture ospedaliere, per la valorizzazione dei piccoli ospedali e la previsione di strutture organizzate per intensità di cure. Per l’Ospedale della Gruccia di San Giovanni V.no è utile ricordare che sono stati destinati investimenti per 14.100.000 euro da utilizzare per il Pronto Soccorso, per la nuova Radioterapia e per nuova struttura riabilitativa, oltre all’acquisto della nuova diagnostica Rx Diretta Digitale ed il mammografo digitale per i quali sono stati programmati altri 750.000 euro. Importanti interventi, come ad esempio quello per la nuova TAC, sono comunque previsti anche in Casentino.

scarica il Piano
>>>

Inserito da enzo , venerdì 18 luglio 2008 alle 12:43 | Commenti (8)

Sostegno ai lavoratori dell’Azienda Laif

Mozione

IL CONSIGLIO REGIONALE

PREMESSO CHE l’azienda  di confezioni Laif  s.r.l. di Camucia, in provincia di Arezzo, è in gravi difficoltà stante l’istanza di fallimento presentata;
CONSIDERATA  la scadenza del 29 luglio 2008 del periodo di cassa integrazione per i  lavoratori dell’Azienda Laif e che gli stessi addetti non percepiscono dal dicembre scorso  lo stipendio;
RILEVATO che l’azienda Laif, viste le difficoltà, si era orientata verso la ricerca di nuovi soci o la cessione dell’impresa;
RICORDATO CHE la Laif ha  recentemente presentato un nuovo soggetto interessato alle sorti dell’azienda, e che tuttavia il quadro emerso è risultato inaccettabile per i lavoratori a cominciare dalla richiesta di rinuncia a diritti acquisiti e senza una prospettiva chiara e certa per il futuro della stessa azienda;
RITENUTO che  l’assenza ad oggi di un piano industriale serio e articolato proietti sul futuro produttivo ed occupazionale della Laif s.r.l.  di Camucia  un quadro di grande incertezza e  di forte preoccupazione;
esprime

la propria solidarietà ai  40 lavoratori dell’Azienda Laif s.r.l. di Camucia (Ar)

impegna la Giunta regionale

ad attivarsi, nei modi e nelle forme che riterrà più opportune, al fine di individuare possibili soluzioni sia per il pagamento a breve degli stipendi  arretrati - non ancora percepiti e dovuti  - dai lavoratori della Laif s.r.l. sia per il rilancio dell’azienda stessa,  indicando eventuali misure e sostegni idonei al fine di scongiurare la chiusura dello stabilimento.

B. Giovannini,
A. Notaro,
I. Pasqui,
M. Ricci,
E. Brogi,
F. Roggiolani,
M. Sgherri

Inserito da enzo , venerdì 18 luglio 2008 alle 12:43 | Commenti (3)

VALORE
Considero valore ogni forma di vita, la neve, la fragola, la mosca. Considero valore il regno minerale, l'assemblea delle stelle. Considero valore il vino finché dura un pasto, un sorriso involontario, la stanchezza di chi non si è risparmiato, due vecchi che si amano.
Considero valore quello che domani non varrà più niente e quello che oggi vale ancora poco. Considero valore risparmiare acqua, riparare un paio di scarpe, tacere in tempo, accorrere a un grido, chiedere permesso prima di sedersi, provare gratitudine senza ricordarsi di che. Considero valore sapere in una stanza dov'è il nord, qual è il nome del vento che sta asciugando il bucato. Considero valore il viaggio del vagabondo, la clausura della monaca, la pazienza del condannato, qualunque colpa sia. Considero valore l'uso del verbo amare e l'ipotesi che esista un creatore. Molti di questi valori non ho conosciuto
Erri De Luca
(da “Opere sull’acqua e altre poesie”, Einaudi, Torino, 2002)
Inserito da enzo , mercoledì 16 luglio 2008 alle 09:12 | Commenti (4)

Piazza Navona

Ho atteso qualche giorno e ci ho rimuginato assai, ma proprio non riesco a comprendere gli eccessi di Piazza Navona a Roma. Io sono solidale con Umberto Eco, Nanni Moretti e tutti quelli che prendono le distanze dall’imprevedibile deriva delle contestazioni antiberlusconiane, partorite in quella piazza. Non ero distante da quelli che volevano indignarsi anche con manifestazioni di massa contro chi usa Parlamento e Governo "pro domo sua", ma non comprendo e non condivido chi come Travaglio, Grillo e compagnia spettacolando, usa la piazza e le persone per far del qualunquismo anche volgare e che sicuramente non aiuta chi vuole opporsi a questa destra. Una destra che non parla più di chi non arriva a fine mese, che ha dimenticato le sorti di Alitalia, che ha gia consumato l'estragettito che era pronto per aiutare le famiglie, i pensionati, i lavoratori e le imprese che, cosa mai avvenuta prima, ha presentato la finanziaria per decreto tagliando 7 miliardi per la sanità e 3 miliardi alle scuole, facendo protestare per primo Formigoni e non Martini ed Errani, loro sono arrivati secondi...ecco io penso che questa è la politica a cui dobbiamo opporci!

Inserito da enzo , lunedì 14 luglio 2008 alle 08:18 | Commenti (1176)

...al meriggio

Sabato 12 luglio

 

presentazione del libro:
33 GIRI A VUOTO
di
Marco Caneschi

ore 18.00
Al Meriggio
loc. Pian della Fonte (Loro Ciuffenna)


In una città di provincia ammaliata dal nuovo miracolo italiano, negli anni della “pax berlusconiana”, quattro amici che hanno superato i trent'anni - e che anzi s'avviano ai quaranta - continuano a starsene alla larga dalle cosiddette responsabilità dell'età adulta. Federico, conduttore radiofonico e teorico del disimpegno “di sinistra”; Paolo, che l'unica volta che ha votato è stato per depenalizzare le droghe leggere; Fabio, separato, che ama la sgangherata famiglia Malaussène dei romanzi di Pennac, e Marco, insegnante precario, che prova a comprendere il mondo leggendo Limes . Un giorno partiranno per lo Yemen, il viaggio sempre rimandato, perché conservare un sogno tutti insieme vale quasi quanto averlo realizzato...

Sfoglia il trailer del libro >>>

Sono contento di presentare il primo libro di questo giovane autore... Nell'occasione vi invito a visitare il sito
http://www.almeriggio.com/ dove potrete trovare il programma completo di inziative orgnanizzate in  questo luogo... davvero particolare.

Inserito da enzo , sabato 12 luglio 2008 alle 09:35 | Commenti (3)

la mia agenda di oggi...

Ore 11,00
Ospedale della Gruccia
Conferenza stampa sulla sanità
Sauro Testi, Presidente Conferenza Sindaci del Valdarno
Enzo Brogi, consigliere regionale >>>

Ore 21:00

RASSEGNA DI CRIMINOLOGIA 2008
Disagio, violenza, insicurezza

Venerdì 11 luglio 2008 ore 21,00
Palazzo Pretorio, Figline Valdarno
Interverranno:
Prof. Francesco Bruno, criminolgo e psichiatra
Prof. Avv. Natale Fusaro, penalista e criminologo
Enzo Brogi, consigliere regionale
programma >>>

Ore 22:30


Con il patrocinio
della Conferenza dei Sindaci del Valdarno
Serata di beneficienza a Montevarchi
Venerdì 11 luglio 2008 ore 21.00
Villa Galeffi
Musica con  Roberto Vasarri, spettacoli, sorprese e...
a tarda sera arriverò anch'io!
Il ricavato della serata sarà devoluto per il sostegno di donne e minori vittime di violenza.
leggi il progetto >>>

Inserito da enzo , venerdì 11 luglio 2008 alle 08:02 | Commenti (6)

Appuntamenti... fra le pagine


Giovedì 10 luglio >>>

Ore 21: 30 Colpire la comunità. 4 luglio 1944
Le stragi nazifasciste di Cavriglia
di Filippo Boni
Saluto di Ivano Ferri, Sindaco di Cavriglia
Presenta Enzo Brogi, Consigliere regionale
Sarà presente l’autore

Inserito da enzo , giovedì 10 luglio 2008 alle 09:04 | Commenti (3)

Lontano un secolo

Mercoledì 9 luglio 2008 ore 17
Consiglio Regionale

Presentazione del volume
Lontano un secolo
di Raffaella Simonti
Intervengono:
Enzo Brogi
Consigliere Regionale
Franco Bolognesi
Sindaco di Loro Ciuffenna
Sarà presente l'autrice
invito >>>

"Lontano un secolo" è la storia del Pratomagno valdarnese all’inizio del Novecento, quando mancavano le vie carrozzabili e si andava da un luogo all’altro a piedi o in groppa alla miccia, attraverso le mulattiere, le vicinali e i sentieri; quando mancava la luce elettrica e la sera cominciava presto e la cena si illuminava con il lume a olio; quando i pasti erano fatti soprattutto di castagne. Eppure, anche in questa società ancora semplice, che andava avanti secondo il ritmo delle stagioni strettamente legate alla terra, la vita procedeva segnata dalla passione. Poteva essere la sfida di  uno  per imparare a scrivere il proprio nome, poteva essere la sfida di un intero borgo per la cisterna dell’acqua, la furbizia per scoprire prima degli altri il miele nascosto nel castagno, la determinazione a voler cambiare ad ogni costo tenore di vita.
"Lontano un secolo" è la storia avvincente della nostra gente tratta da documenti depositati nell’Archivio del Comune e dagli ultimi testimoni di quella realtà.

Inserito da enzo , mercoledì 9 luglio 2008 alle 09:15 | Commenti (0)

Non andrò a manifestare l'8 Luglio, ma....
Vedo fra alcuni promotori troppa voglia di distinguersi dal PD, più desiderio di "competizione interna" che di reale opposizione ad un Governo sempre più attratto ed impegnato dalle questioni private (…e che questioni!) del suo capo piuttosto che da quelle care ai cittadini.
Non andrò a manifestare, ma anche mal sopporto che il PD attenda ottobre per avviare una netta iniziativa politica e di mobilitazione. In molti dicono che c'è troppo attivismo per fare correnti e fondazioni e poco per l'azione politica. Anch'io sono tra questi. I dirigenti dicono che non è così. Bene! Allora, si facciano uscire dai garage i bei pullman con la doppia W, e si riparta, magari anche con qualche camper, da Ventimiglia a Muggia: spiagge e luoghi di vacanza, senza dimenticare quelli dove rimane chi lavora e chi vorrebbe lavorare. Veltroni riparta, e con lui tutti noi, ma per dire chiaramente che siamo indignati e che vogliamo subito in agenda i temi dell'economia, di un fisco giusto ed equo, delle infrastrutture, della legalità …delle famiglie (che sono aumentate) che fanno ancora fatica ad arrivare alla terza settimana….
Inserito da enzo , lunedì 7 luglio 2008 alle 12:48 | Commenti (0)

Castelnuovo Berardenga

 
Domenica 6 luglio ore 2008
64° ANNIVERSARIO DELL'ECCIDIO DI PALAZZACCIO
Comune di Castelnuovo Berardenga

Ore 11:20 Discorso celebrativo di Enzo Brogi
programma >>>



Nel pomeriggio ho invece appuntamento all'On the road Festival  di Pelago per la premiazione del concorso delgi artisti di strada... >>>

Inserito da enzo , domenica 6 luglio 2008 alle 09:08 | Commenti (3)

Riflettiamo
Alla festa del PD di Cavriglia dopo un dibattito ho avuto l’opportunità di parlare un po’ con alcuni giovani che manifestavano molto disagio a comprendere l’attuale linea (?) del nostro partito soprattutto riferita alla nostra appannata opposizione ed, a loro vedere, alla nascita delle correnti che non rigenerano azione politica ed idee, ma solamente un vecchio ceto politico. Mi ha particolarmente colpito il dettaglio di una giovane ingegnera che raccontava di lavorare in uno studio di progettazione di un noto professionista della nostra Provincia. Nove persone dai trenta ai cinquanta anni. Sei laureati e tre diplomati, uomini e donne impegnati, colti, attenti al vivere civile e produttivo, con dei valori…insomma se volessimo inquadrarli sondaggisticamente un interessante, qualificato campione. Ebbene, l’ingegnera raccontava che alle scorse elezioni tutti avevano votato, in gran parte di essi anche con forte convinzione, per il PD (si sa siamo ancora nella terra che Berlusconi vorrebbe detoscanizzare!). Ma oggi, ad appena pochi mesi tutti - riflettiamo tutti - voterebbero per Di Pietro.
Inserito da enzo , sabato 5 luglio 2008 alle 10:34 | Commenti (5)

Il Tirreno

Red? Talvolta mi sento addirittura compresso a stare dentro a un partito, figurarsi se aderisco ad una parte di esso. Se tutti fanno associazioni e fondazioni chi pensa ai cittadini?
E' la mia dichiarazione pubblicata da "Il Tirreno" di stamani. Vi propongo l'intera lettura dell'articolo scritto da Mario Lancisi. >>>

Inserito da enzo , venerdì 4 luglio 2008 alle 17:11 | Commenti (1)

Stasera a Cavriglia...


A Cavriglia è iniziata la prima festa comunale del PD. In programma ci sono diversi incontri di cui potete prendere nota visitando anche il sito www.pdcavriglia.it.
Stasera
 parleremo insieme delle forme di disagio giovanile e di bullismo che portroppo si stanno diffondendo anche nel nostro territorio. Coordinerò il dibattito al quale interverranno l'assessore regionale Gianni Salvadori, il difensore civico Giorgio Morales, l'attore Andrea Muzzi, il musicista dei Negrita Cesare Petrich e Claudio Rustichini del Circolo della Pace. Sarà l’occasione per discutere in modo diverso di un problema molto serio. La partecipazione di giovani e di artisti, oltre agli interventi politici, sottolinea la nostra volontà di affrontare il problema da più punti di vista con un dibattito che sia il più ampio possibile. Il bullismo è un fenomeno di cui si parla poco ma che è sempre più in crescita in Italia, per questo c’è bisogno dell’aiuto e del lavoro congiunto di tutti: scuola, famiglia, istituzioni e forze dell’ordine. Credo che sarà una discussione molto interessante, durante la quale potremo anche ascoltare le riflessioni di molti giovani che vorranno intervenire...Vi aspetto.
invito >>>
il programma completo della festa >>>

Inserito da enzo , venerdì 4 luglio 2008 alle 08:31 | Commenti (1)

Ingrid Betancourt


Stamani l'umanità ha sicuramente un motivo per essere più serena, si è concluso un incubo: Ingrid Betancourt è tornata ad essere una donna libera!

Inserito da enzo , giovedì 3 luglio 2008 alle 09:14 | Commenti (1)

Page:  << Prev  1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  26  27  28  29  30  31  32  33  34  35  36  37  38 39  40  41  42  43  44  45  46  47  48  49  50  51  52  53  54  Next >>
Torna in Home Page