Ci sono 1065 Blog di discussione inseriti | Pagine inserite: 54 | Siete a pagina 44

Giornate di Assemblee
Ho partecipato all’assembea nazionale del PD a Roma ed a quella della mia Provincia. Mi è piaciuta molto la relazione di Veltroni, che assieme a quella di Spello completa in modo assolutamente ricco ed esauriente tutto ciò che serve per avviare la nostra campagna elettorale. Ma anche Marco Meacci, nostro coordinatore provinciale, non ci ha fatto mancare idee, suggestioni e programma. Sale gremite di giovani, tante donne e tante facce nuove. Sta crescendo davvero un partito nuovo che mi piace sempre più. Anche nel mio intervento ho cercato, per come mi riesce, di manifestare il mio apprezzamento. Abbiamo anche approvato OdG per le primarie. Mi spiace che nell’Assemblea aretina ci siano state anche un po’ di spiacevoli situazioni quando si sono dovuti indicare nomi per l’assemblea Regionale e, peccato, che anche la delegazione del Valdarno non si sia sottratta ad antiche dinamiche. Mi auguro che siano colpi di coda di ciò che abbiamo abbandonato e che talvolta tentano di resistere al nuovo.
Inserito da enzo , domenica 17 febbraio 2008 alle 21:45 - Commenti (6)

Svolgo il mio mandato di Consigliere Regionale

Sono contento, si è aperto un vivace, partecipato dibattito sul tema delle primarie.


Ognuno è intervenuto o sta intervenendo, come è naturale che sia, con il proprio punto di vista, con il proprio bagaglio di esperienza, di convinzione politica ed ideale. Ricco, creativo e stimolante, il contributo di coloro che per la prima volta hanno dato fiducia ad un partito politico assumendone un ruolo attivo. Ne è illuminante testimonianza lo straordinario successo, mediatico e di adesione che ha avuto il sito nato in Valdarno  www.primarieperilpd.com


Un entusiasmo che non possiamo deludere.


Il "cittadino-elettore-attivo" che abbiamo voluto fondatore del nostro partito deve essere accolto e ascoltato con grande responsabilità.


Ho anche apprezzato l'adesione alla richiesta di primarie del deputato Rolando Nannicini. Sono certo che dalla sua rilevante posizione, farà ogni sforzo perché ciò avvenga e, comunque, si attiverà per pretendere almeno la forma più ampia e corretta possibile di consultazione. Ringrazio anche coloro che in questi giorni, pensando  che la mia insistenza per le primarie fosse motivata da una qualche mio desiderio di competizione, mi hanno incoraggiato ad aderirvi (sono stati in tanti e li ringrazio davvero) ma ritengo che il mio impegno debba trovare ancora soddisfazione dentro il mandato che mi è stato affidato con la elezione a Consigliere Regionale.


Mi batto per le primarie, così come mi sono battuto anche nel passato, poiché continuo ad esser convinto che rappresentino un grande strumento di democrazia e partecipazione ed aiutino ad avere in lista i candidati che abbiano il massimo appeal elettorale possibile, rilevante per aiutarci a raggiungere il successo che tutti auspichiamo.

Inserito da enzo , giovedì 14 febbraio 2008 alle 11:19 - Commenti (2)

Si che c'è tempo!

La crisi. E così, la primitiva e sclerotizzata Seconda Repubblica pare affossata. Andiamo a votare e ci andiamo nel modo peggiore:
- con un Governo che, dopo due anni di intenso lavoro e pesanti sacrifici chiesti ai cittadini, cade nel momento in cui si apprestava a redistribuire su salari e pensioni quanto recuperato dal risanamento dei conti e dalla lotta all’evasione fiscale;
- con una legge elettorale “porcata” che restituirà alle stanze dei partiti ogni decisione;
- con poco tempo, che renderà complicata ogni sorta di consultazione degli elettori per indicare i candidati.

La legge “porcata”. Davvero un bel concentrato di mortificazione per ogni cittadino perbene che ha a cuore l’interesse del Paese, che ha creduto e si è battuto per il rinnovamento e per la partecipazione.
Vorrei che non fosse così. Oramai dobbiamo accettare questa orribile ed ingiusta legge elettorale, ma non dobbiamo anche subirne i vincoli per eleggere i nostri rappresentanti. Il Partito Democratico non può chiamare i cittadini ad esprimersi per eleggere i componenti del più sparuto organismo periferico (magari provocando anche degli esclusi) e non coinvolgerli nella scelta di chi dovrà rappresentarli in Parlamento!
Se intendiamo cambiare davvero il rapporto tra cittadini e istituzioni non possiamo esentarci da uno sforzo politico e organizzativo, certo straordinario per i tempi ristretti, ma fondamentale per garantire ai nostri elettori un potere di scelta che la legge con cui voteremo ha sottratto.

Perché le primarie. Ho conosciuto e vissuto più volte, il ricorso alla consultazione diretta dei cittadini. Ho partecipato in prima persona alla stagione talvolta un po’ oscura delle primarie - quella che oggi critica giustamente in una dichiarazione il deputato Rolando Nannicini - “vissuta come lotta tra i cittadini, con territori contrapposti tra loro e prive di spirito unitario”. Ma ne ho anche vissuto la bella stagione, quella che ha visto tantissimi cittadini partecipare, confrontarsi, discutere e indicare con trasparenza da chi volevano essere rappresentati. Questo fu ad esempio lo spirito delle primarie per le candidature al Consiglio Regionale del 2005, e questo è stato il clima delle consultazioni dello scorso 14 Ottobre. In ambedue i casi più candidati si sono confrontati in modo serio e costruttivo producendo ricco dibattito e partecipate consultazioni.
A Firenze, la scorsa settimana, l’applauso più lungo Veltroni se lo è guadagnato quando ha detto che voleva vedere le sedi del PD con le luci accese anche la notte… e non per discutere di candidature, ma di politica! La discussione sulle candidature e la selezione dei candidati avrebbe dovuto essere affidata alle primarie. Onoriamo quegli applausi.
Sono tanti, in questi giorni, i fondatori del PD che chiedono le primarie come unico strumento per la scelta dei candidati del PD al Parlamento. Anche in Provincia di Arezzo è nato un vivace ampio e partecipato dibattito attraverso la rete per sostenere le primarie non come scontro tra dirigenti e caste, ma come forma di partecipazione popolare che da il senso del rinnovamento e della buona politica. In attivazione anche un sito, www.primarieperilpd.com, visitatelo.

La sfida.
Quella che ci aspetta sarà una campagna elettorale breve, ma intensa e difficile. Dobbiamo impegnarci tutti con entusiasmo e mettere in campo le forze migliori, che abbiano il massimo di credibilità, consenso ed appeal elettorale. Occorre valorizzare le nostre idee in modo netto - senza confusioni tra partitini ed alleati spesso precari - e sostenere le scelte coraggiose, innovative e che stanno guidando, negli ultimi tempi il dibattito politico, fatte dal nostro leader Walter Veltroni.

Inserito da enzo , venerdì 8 febbraio 2008 alle 16:18 - Commenti (9)

Con Petra Magoni e Ferruccio Spinetti

“Charme, complicita', humor…questo duo!”.
Martedì 12 febbraio, con Petra Magoni e Ferruccio Spinetti presenteremo a Pisa la proposta di legge per la musica popolare contemporanea. Una serata organizzata al Borderline Club, dove, assieme a Fabiana Angiolini e a Paolo Tognocchi, vorremmo raccontare il nostro progetto ma anche ascoltare le opinioni, i suggerimenti, le idee dei ragazzi e di tutti coloro che amano la musica.


Una voce, un contrabbasso… e qualche articolo di legge: credo che sarà una serata divertente!



>>> www.unaleggeperlamusica.it

Inserito da enzo , venerdì 8 febbraio 2008 alle 16:17 - Commenti (7)

Un uomo è un uomo di B. Brecht

Erriquez (Bandabardò) mi ha invitato, Giovedì 14 febbraio, ad assistere ad uno spettacolo che si terrà al Teatro Comunale di Antella (Comune di Bagno a Ripoli).


Il regista Riccardo Massai e il gruppo musicale della Bandabardò hanno dato nuova vita ad Un uomo è un uomo di Bertolt Brecht per rendere il testo ancora più vicino al nostro presente e ad un pubblico giovanile. Così la band ha creato canzoni e interventi musicali originali mai incisi e che saranno ascoltabili soltanto durante le rappresentazioni. Con la struttura scenica del carro, si è voluto conservare la povertà delle messe in scena di Brecht nel suo farsi disponibili ad essere allestiti in qualsiasi luogo, lo spettacolo potrebbe essere trasferito per strada o su di un palcoscenico e non perderebbe i suoi sapori.
Nella commedia si riflette sul condizionamento più o meno violento dell’uomo che avviene oggi come ieri. L’impressione che si genera è di sfasamento: l’opera, e le sue tematiche, che alludono al nostro presente ci coinvolgono da vicino, parlano del nostro “io” molto di più di quanto ci si possa immaginare.
Lo spettacolo sarà in replica fino al 9 marzo. Credo che valga la pena di vederlo!

Inserito da enzo , venerdì 8 febbraio 2008 alle 16:00 - Commenti (1065)

Buitoni in vendita: l'impegno della Regione

Ho sottoscritto, assieme a Mauro Ricci ed altri consiglieri del Gruppo PD una mozione sulla vicenda relativa all’imminente cessione dello stabilimento Buitoni di Sansepolcro e dello storico marchio alimentare da parte della multinazionale Nestlè. L’importante realtà produttiva, che opera sul territorio da oltre cento anni e occupa direttamente 500 addetti che con l’indotto arrivano ad 800, rappresenta ovviamente un pilastro determinante dell’economia locale.
La mozione, discussa ed approvata in occasione dell’ultima seduta consiliare impegna la giunta regionale a continuare una seria azione, di concerto con le organizzazioni sindacali e le istituzioni locali, volta ad evitare che dal processo di cessione non derivi un ridimensionamento produttivo.
A tal fine, il governo regionale si è reso disponibile a sostenere, con adeguati strumenti finanziari ed economici, di piani industriali che abbiano l’obiettivo di salvaguardare il presidio produttivo, il suo marchio e i livelli occupazionali. Spero davvero che su tali progetti si possa vedere impegnata l’imprenditoria aretina e toscana.
il testo della mozione >>>

Inserito da enzo , venerdì 8 febbraio 2008 alle 15:56 - Commenti (4)

675 insegnanti in più nelle scuole toscane


Un’ottima notizia quella che ci arriva dall’assessore all’istruzione Gianfranco Simoncini.
Nel 2008-2009 l’anno scolastico dovrebbe cominciare in Toscana con 675 insegnanti in più che, considerato il costante aumento del numero di iscritti e il preoccupante quadro generale in cui prevalgono invece i tagli, rappresenta davvero un importante risultato per la nostra regione.
Per la scuola dell’infanzia, che aveva già registrato quest’anno l’arrivo di 200 insegnanti in più, la Toscana si è impegnata nella realizzazione di nuove classi primavera per i bambini dai 2 ai 3 anni. Sono nate così 68 nuove strutture che accolgono oltre 1300 bambini. Alla Toscana sono stati assegnati per questo 1 milione e 482 mila euro. La Regione ha comunque aggiunto risorse proprie che hanno consentito di creare 13 sezioni in più. «Proprio in considerazione di questi due fronti di impegno – ha detto l’assessore Simoncini – ci trova d’accordo anche la ripartizione fra i diversi gradi di scuola. In Toscana infatti il grosso dei nuovi arrivi è concentrato sulla scuola dell’infanzia, con 130 insegnanti in più e sulle superiori, con un incremento di 322 docenti».
Mi auguro davvero che le lezioni possano svolgersi, per gli studenti toscani, nel migliore dei modi.

Inserito da enzo , venerdì 8 febbraio 2008 alle 15:53 - Commenti (5)

...il mondo non si ferma
Non avevo ancora scritto niente della crisi di Governo. Siamo caduti per azione combinata di Mastella, Dini e qualche altro. Il colpo è stato pesante. Sul piano politico e psicologico. Forse è anche per questo che non ho scritto niente. Ero troppo amareggiato, arrabbiato e penso che le persone perbene non se lo meritassero. Due anni fa mettevamo a punto la campagna elettorale della riscossa. Venti mesi dopo raccogliamo i cocci. L’Unione divisa. Il Pd a interrogarsi su cosa fare adesso. Mi pare che il sentiero sia davvero stretto ma vedremo. Le elezioni si avvicinano. Continuo a credere che votare con questa legge elettorale sia un azzardo per tutti, ma soprattutto per il Paese. E però il mondo non si ferma ed allora mi piace segnalare che venerdì sera nel mio Comune abbiamo tenuto l’Assemblea del PD per organizzarci e discutere un po’ di politica: molti interventi, tantissime facce nuove, posti in piedi e la media età del gruppo eletto e che dirigerà l’Assemblea cavrigliese è di appena 34 anni!
Inserito da enzo , lunedì 4 febbraio 2008 alle 09:23 - Commenti (2)

In Italia? L'imputato depenalizza il reato!
 Tu sei il potere, vuoi essere giudicato? Vuoi essere assolto o condannato? Si domandava Fabrizio de Andrè.  Ed il potere si è assolto!
Sono bastati 15 minuti. Silvio Berlusconi assolto dall'accusa di falso in bilancio (processo Sme) perché "I fatti non sono più previsti dalla legge come reato". Questa è  la formula adottata dai giudici della I Sezione Penale del Tribunale di Milano a seguito ad un provvedimento "ad personam", varato nel gennaio 2002, dallo stesso governo Berlusconi.
Proprio così... Silvio Berlusconi (il potere) ha assolto Silvio Berlusconi (l’imputato).
In Italia può succedere, dunque, che il Presidente del Consiglio fa passare una legge in cui depenalizza il reato per il quale è sotto processo. Ancora una nuova scena dell'incredibile film del nostro paese che proiettiamo nel mondo.
Quanta mortificazione per l'immagine del nostro paese!...
Inserito da enzo , venerdì 1 febbraio 2008 alle 12:14 - Commenti (5)

In Kenya non si ferma il massacro...


La guerra civile che si è scatenata in Kenya con la contestazione delle elezioni presidenziali del 27 dicembre, sta assumendo ogni giorno un volto sempre più catastrofico. Kofi Annan è impegnato in un tentativo di mediazione tra il Presidente Kibari e il candidato sconfitto dell'opposizione Rail Odinga ma, le sensazioni che si raccolgono, fanno pensare ad una lotta fra faide che potrebbe continuare a lungo: ancora una volta, l'odio etnico, si presenta come  la più grande minaccia di un paese africano.
Amref, ha lanciato un appello per fonteggiare la situazione di emergenza.
>>> appello amref

Inserito da enzo , mercoledì 30 gennaio 2008 alle 23:00 - Commenti (3)

Con Cavriglia... a Mellieha


Cavriglia e Mellihea hanno firmato un patto di fratellanza, unendo simbolicamente lingue, tradizioni e culture diverse. Ho partecipato assieme al Sindaco Ivano Ferri, rappresentanti delle associzioni e della comunità locale di Cavriglia, alla visita ufficiale nell'isola di Malta, incontrando il Presidente della Repubblica, Edward Fenech Adami e il Sindaco di Mellihea. Sono state programmate iniziative culturali, sociali e sportive che potranno rivelarsi valide opportunità ed esperienze di scambio fra i due comuni gemelli.
Un impegno ideale per far progredire un’amicizia, una alleanza, una fraternità "al di sopra delle frontiere".

Inserito da enzo , lunedì 28 gennaio 2008 alle 22:16 - Commenti (155)

27 gennaio 2008... Giornata della memoria

PER NON DIMENTICARE
San Leolino in Val d'Ambra


Domenica 27 gennaio 2008
Giornata della Memoria
Pieve di San Leolino ore 16,00
Santa Messa
Circolo di San Leolino ore 17,00
Incontro pubblico e dibattito con:
Don Antonio Bacci - Docente di storia e filosofia
Filippo Boni - Autore del libro "Colpire la comunità"
Enzo Brogi - Consigliere Regionale
Introduzione di Sauro Testi Sindaco di Bucine
Racconti e testimonianze sugli avvenimenti 
invito >>>

Inserito da enzo , sabato 26 gennaio 2008 alle 10:15 - Commenti (5)

la newsletter

E' uscita la mia newsletter...
E' uno strumento per segnalare, direttamente sulle vostre caselle di posta elettronica, riflessioni, appuntamenti, notizie che riguardano più da vicino la mia attività... ma anche un invito a commentare i miei post e a sollecitarmi sulle questioni che più ci stanno a cuore. Mi piacerebbe che questo spazio potesse diventare un punto di incontro, dove possiamo confrontarci, scambiarci idee e opinioni...
Per questo vi invito ad iscrivervi lasciando il vostro indirizzo di posta elettronica e... se lo ritenete opportuno, ad iscrivere o segnalare il link a coloro che potrebbero essere interessati.

Inserito da enzo , martedì 22 gennaio 2008 alle 12:36 - Commenti (3)

Safari

>>>
Sarà perchè sono di campagna, ma mi ha fatto una certa emozione, leggendo i ringraziamenti, trovare il mio nome assieme a quello di altri più o meno importanti, ma anche accanto a quello di nomi come Bono, Adriano Celentano, Ben Harper ed altri colossi dell’arte, nel nuovo bel lavoro di Lorenzo Jovanotti: Safari. E’ un viaggio fatto di emozioni, suoni e sentimenti, diretto e divertente, un viaggio a mare aperto, on the road. Un affresco di parole e immagini semplici e sonorità ricche, armonie suggestive, di grande effetto e coinvolgimento emozionale. Vale davvero la pena di ascoltarlo e pensarci un po’ su.

Inserito da enzo , lunedì 21 gennaio 2008 alle 14:53 - Commenti (4)

Onde in Dvd...



Ciao Enzo... sai che è uscito "Onde" in Dvd? -
Bella notizia quella che mi arriva da Francesco Fei, regista di famosi videoclip musicali e... non solo!
E' uscito in Dvd  “Onde”, il suo primo film, con Anita Caprioli, Ingazio Oliva, Filippo Timi e Marina Remi. Un film insolito nel panorama italiano attuale, dove “stare a guardare è importante quanto dire”... (visita il sito >>> ).

Una piacevole occasione... per un botta e risposta!
Enzo Brogi... intervista il regista!
- Francesco… cos’è questa storia di un coraggioso film “indipendente”… ma non ti bastava essere un apprezzato regista di video musicali per famosi personaggi della discografia italiana come Battiato, Ligabue, Negrita, Piero Pelù e chissà quanti altri?
- In realtà mi sono avvicinato ai videoclip spinto dalla mia prima vera passione, il cinema. Girare videoclip é stato fondamentale per la mia formazione professionale, ma questo percorso l'ho sempre sentito come un punto di partenza, quello di arrivo era ed é il cinema.

- Luca un non vedente e Francesca con una voglia violacea sul viso che le consegna tanta insicurezza. E’ una critica al modello di perfezione estetica, di “immagine” …che abbiamo imposto alla nostra società?
- Non é una critica, ma una constatazione. Questo tema é solo un sottotesto del film. I problemi di Francesca nascono si anche per il modo con cui il mondo esterno la percepisce, ma soprattutto sono il frutto del suo modo di pensare e di viversi.

- E visto che è comunque il tuo mestiere… come hai scelto la musica per il tuo film?
Ho sempre pensato che la musica in un film é un elemento narrativo fondamentale e non un semplice accompagnamento musicale. Per questo non volevo usare semplici canzoni per allontanarmi il più possibile dal modo di fare, appunto, dei videoclip. Ho rivolto la mia attenzione perciò verso compositori, per lo più elettronici, che realizzano una musica che trovavo in sintonia con le atmosfere che volevo che avesse il film.

- Sai che, secondo l’ultimo rapporto Censis, in Toscana il comparto cinematografico (con 230.114 biglietti venduti per 100.000 abitanti) sembra presentare una certa viltalità, con valori superiori alla media nazionale? E’ una buona notizia anche per un regista esordiente?
- Tutte le notizie che testimoniano che in fondo il cinema é una forma di intrattenimento e di arte ancora amata dalla gente, sono notizie positive per chiunque abbia scelto di raccontare delle storie con le immagini.
Caro Enzo, come sai non vivo a Firenze da ormai dieci anni e perciò non conosco bene la situazione cinematografica cittadina. Credo comunque che per qualsiasi iniziativa cinematografica a livello regionale, sia fondamentale l'esistenza di una valida Filmcommission. Quella Toscana mi pare stia lavorando bene, come per esempio testimoniano le riprese in Toscana di Spike Lee per il suo ultimo film.

- Francesco… le tue “onde” mi sembrano molto forti… cosa speri che porteranno a riva?
Un secondo film che abbia la possibilità di essere visto più del primo.

- Allora in bocca al lupo, noi intanto guarderemo questo in dvd!

Inserito da enzo , lunedì 21 gennaio 2008 alle 14:50 - Commenti (4)

Indignato per la situazione in Campania...

La Toscana deve attivarsi in tempi rapidi. Richiesto un impegno anche a Terranuova Bracciolini

Come molti cittadini italiani, sono profondamente indignato nel vedere, con l’inizio del 2008, Napoli e Caserta sepolte dai sacchi di immondizia. E’inaccettabile, che dopo lunghi anni di commissariamenti e milioni di euro spesi, possa regnare una situazione che può definirsi da “terzo mondo”.
Ma è ancora più grave che nessuno paghi per le responsabilità, che nessuno sia chiamato a rispondere del grado di inciviltà consegnato ai cittadini campani.
E’ evidente che un simile contesto di vera e propria emergenza, in cui migliaia di persone rischiano anche la loro salute, necessita un impegno straordinario di tutti, di una forte azione di solidarietà nazionale sia pure nelle difficoltà che le Regioni dovranno affrontare per accollarsi parte dello smaltimento di
rifiuti campani. Anche la Toscana ha il dovere di fare la sua parte, purché si tratti di interventi limitati nel tempo e compatibili con le capacità di accettazione delle nostre discariche. La disponibilità resa dalla nostra Regione a smaltire 4 mila tonnellate di rifiuti campani è vincolata al fatto che siano trattati e, nello specifico, il ricorso alla discarica di Terranuova Bracciolini deve essere subrodinato al pagamento regresso di 176mila euro che la Campania deve ancora saldare per il conferimento del 2004 (E’ utile ricordare che per Terranuova sono previsti solamente 1500 tonnellate, quanti normalmente ne ospita in un giorno e mezzo di attività).
Ma è anche indispensabile che, una volta superata la situazione di emergenza si adottino, in quella parte di Italia, nuove soluzioni istituzionali e di governo che mirino a ricostruire un rapporto di fiducia con le comunità e ad assicurare degne condizioni di vita.
E la Toscana, considerati i limitati tempi di esaurimento delle nostre discariche, deve attivarsi velocemente per non rischiare fra pochi anni un’analoga situazione di emergenza rifiuti. Sono necessari nuovi impianti o adeguamenti degli esistenti ma, tutto ciò non deve assolutamente costituire un alibi per gli obiettivi primari in tema de gestione dei rifiuti: ridurre la produzione, aumentare la quota di raccolta differenziata e il riciclaggio.
Una forte scelta culturale, per la quale occorre educare i cittadini, partendo dalle scuole e coinvolgere le aziende e i settori produttivi.
Diventano dunque fondamentali accordi e meccanismi di incentivi da sviluppare con l’industria e la grande distribuzione per la riduzione di imballaggi ma occorre anche distribuire composter domestici e sviluppare il porta a porta. Accanto alle valide esperienze di paesi come il Canada o la Germania, possiamo anche guardare con attenzione importanti esperienze compiute proprio nel nostro territorio. Ne è un esempio il Comune di Capannori (LU) che riesce in alcune frazioni, a differenziare oltre l’80% dei rifiuti.
Credo che solo per via possiamo sperare di raggiungere gradualmente il “sogno”, come lo ha definito il Presidente Claudio Martini, di vedere una Toscana a “rifiuti zero”: eliminazione delle discariche con differenziata al 70% e il restante trasformato in energia.

Inserito da enzo , lunedì 21 gennaio 2008 alle 14:42 - Commenti (7)

Boehringer: presto un incontro

L'ASSESSORE SIMONCINI RISPONDE ALLA NOSTRA INTERROGAZIONE
A seguito dell’interrogazione presentata dai consiglieri Gianluca Parrini ed Enzo Brogi (e di una del consigliere Ciucchi) sul piano di delocalizzazione dell’azienda Boehringer, che metterebbe in pericolo il sistema lavorativo valdarnese, si è svolto in Consiglio Regionale il dibattito sulle possibili prese di posizione a livello regionale.
L’assessore Gianfranco Simoncini ha dichiarato non condivisibile il piano dell’azienda ed ha annunciato un primo incontro con i vertici fissato per il prossimo 24 gennaio. Seguiremo con attenzione gli esiti di questo percorso ma, sembra anche significativo l’impegno che la Giunta avrebbe preso ad assicurare un sostegno complessivo al settore biofarmaceutica in Toscana attraverso il “Piano per il distretto regionale di scienze della vita” e quindi la disponibilità di fondi da dedicarsi a progetti di ricerca e sviluppo tra imprese biofarmaceutiche e centri di ricerca.

sull'argomento:

>>> il testo dell'interrogazione
>>> il Corriere di Firenze, 17/01/2008
>>> la Republica di Firenze, 7/12/2007
>>> la Nazione Firenze, 07/12/2007
>>>
il Corriere di Firenze, 07/12/2007

Inserito da enzo , lunedì 21 gennaio 2008 alle 14:39 - Commenti (1)

Legge 194...

APPROVATA MOZIONE IN CONSIGLIO REGIONALE
Piena applicazione della legge e potenziamento dei consultori

"La legge sull'aborto è una buona legge che nel paese ha determinato la drastica riduzione del ricorso all'interruzione volontaria della gravidanza” ha detto l’assessore alla sanità Enrico Rossi.
La legge 194 che ci affida compiti importanti sulla formazione del personale e sulla prevenzione ed è un provvedimento che dobbiamo continuare ad applicare in tutti i suoi aspetti. L’aborto è una sconfitta per la donna e per la società e la sua riduzione è un obiettivo fondamentale delle politiche regionali. L’assessore ha ricordato che nel 2006 le interruzioni volontarie di gravidanza in Toscana sono state 8.879, di cui 5.577 su donne italiane e 3286 su donne straniere. Il tasso di abortività (rapporto tra numero di concepimenti e numero degli aborti) è passato dal 20,6% del 2001 al 19,7% del 2006. Tra le donne italiane si registra, una diminuzione dal 18,7% al 16,1%, mentre tra le donne straniere c’è un leggero aumento dal 31,84% al 32,17%, anche se tra il 2005 ed il 2006 anche tra le straniere il tasso diminuisce dell‘1,6%. Rossi ha poi ricordato il finanziamento di tre milioni di euro destinati ai consultori ed il lavoro svolto dal Centro multidisciplinare per la diagnosi e la terapia dei difetti congeniti (Meyer e Careggi), che ha permesso di ridurre di due terzi (dal 45,5% al 13,7%) il ricorso all’aborto in presenza di gravi patologie congenite. L’amniocentesi sarà inoltre presto sostituita dalla villocentesi con screening ecografico.
Al termine del dibattito è stata approvata in Consiglio Regionale una mozione che prevede il potenziamento dei consultori, il rilancio di campagne di sensibilizzazione per prevenire gravidanze indesiderate, e l'estensione "presso tutte le strutture pubbliche" delle tecniche innovative meno invasive riguardanti "sia lo svolgimento della gravidanza e lo sviluppo del feto quali lo screening ecografico, sia le metodiche di interruzione di gravidanza più recenti e meno incisive per la donna".
>>> visualizza il testo della mozione


 

Inserito da enzo , lunedì 21 gennaio 2008 alle 14:38 - Commenti (3)

Una nuova guida turistica in Casentino

Alla scoperta dei prodotti tipici della valle. "Sulle strade del gusto il paesaggio acquisisce un fascino e un'attrattiva unica. la cultura del cibo qui è cultura del vivere bene; i prodotti provengono da una passione antica per le cose della terra, del cielo, e del bosco. nella semplicità di certi sapori si ritrova la storia di un popolo che ha saputo rivisitare i prodotti disponibili elaborandoli tanto da renderli piacevoli alla vista e appetitosi al palato" (da percorso emozionale e sensoriale).

Da anni, tuttavia, turisti e appassionati della terra di dantesca memoria, attendevano una guida turistica vera e propria, una di quelle che ti servono per visitare, vedere scoprire, ma anche assaggiare, gustare, comprare, “perdersi e tornare”. La società Casentino Sviluppo e Turismo ha risposto prontamente a questa richiesta con un nuovo prodotto editoriale, una guida tascabile bilingue e double-face – nel senso che in un senso si legge in italiano e se girata si può consultare in inglese – che può stare in borsetta ma anche nella tasca di una giacca o dei pantaloni.
La sua forza sta nei testi brevi ma esaustivi, in un’iconografia gradevole e mai referenziale, nella chiarezza delle tavole di approfondimento, nella completezza delle informazioni su ogni angolo della vallata, da quello più conosciuto a quelli meno famosi, fino ai cosiddetti consigli per gli acquisti graditi a coloro – e sono tanti - che sentono continuamente parlare delle bontà e delle eccellenze artigianali casentinesi e spesso non sanno dove andare a parare. Grande appeal e assicurata utilità hanno anche gli itinerari, un modo semplice per incoraggiare la scoperta della valle nei suoi vari aspetti da quello storico - culturale a quello magico o religioso.
All’interno non manca una cartina geografica dettagliata della valle nella quale sono indicati, non solo tutti gli uffici informazioni ma anche gli autovelox, un modo per evitare ai turisti di tornare nelle proprie case con tante multe da pagare e un brutto ricordo del Casentino.
La guida si può trovare presso gli uffici informazione, i centri visita, le strutture turistiche, le edicole, le librerie e alcuni esercizi commerciali del territorio.

Inserito da enzo , lunedì 21 gennaio 2008 alle 14:37 - Commenti (2)

Visita all'ospedale della Gruccia

I reparti della Gruccia pronti a rimettersi in gioco.
Enzo Brogi ed il Presidente della Conferenza dei Sindaci Sauro Testi in visita all’Ospedale del Valdarno

Sono emersi con chiarezza, durante una visita all’Ospedale della Gruccia compiuta assieme al Presidente della Conferenza dei Sindaci Sauro Testi e al Direttore del Distretto Massimo Gialli, gli elementi di debolezza e i tanti punti di forza, professionalità e qualità della struttura sanitaria del Valdarno.
L’Ospedale è ben servito, dotato di ampie e ospitali strutture di accoglienza per i degenti e soprattutto di moderni e centralizzati complessi chirurgici e medico-sanitari che hanno sostituito tre antichi, modesti presidi ospedalieri, non ben organizzati e collocati oramai nei centri urbani dei tre comuni di fondovalle.
Evidenti difficoltà sono presenti al Pronto soccorso, che necessita di maggiori risorse ma anche di un più efficace filtro sul territorio per gestire la crescita esponenziale di accessi registrata negli ultimi mesi.
Dopo trenta anni la struttura è tornata finalmente ad un’unica chirurgia e non meno importanti sono le realtà di reparti come la nefrologia, il centro di terapia intensiva ed anche la società di riabilitazione che sta progressivamente invertendo gli indicatori negativi di appena un anno fa. Il punto nascita ha superato quota 800 nel 2007, il che ne testimonia l'importanza come unità operativa a prescindere dal piano di riorganizzazione delle pediatrie regionali. Cardiologia, pediatria, ospedale di comunità, sono tutti reparti in cui si percepiscono potenzialità strutturali ed umane pronte a rimettersi in gioco. Questo è l’obiettivo che deve essere incoraggiato in ogni area, utilizzando al meglio le risorse interne, creando opportunità per accrescere risorse esterne con scelte che garantiscano il reintegro delle professionalità, assicurando i servizi nella qualità e quantità funzionali ad un presidio di secondo livello, lavorando in rete anche con il territorio, coinvolgendo le diverse figure socio sanitarie. La tutela della salute vede un prima ed un dopo alla fase acuta- ospedaliera; senza il territorio appare complicato ogni possibile progetto di rilancio. Occorrerà proseguire con impegno l’attento viaggio nella sanità del Valdarno riferirne puntualmente all’Assessore Regionale alla salute Enrico Rossi.
Inserito da enzo , lunedì 21 gennaio 2008 alle 14:35 - Commenti (6)

Page:  << Prev  1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  26  27  28  29  30  31  32  33  34  35  36  37  38  39  40  41  42  43  44 45  46  47  48  49  50  51  52  53  54  Next >>