Premio ad Ufip con Tullio De Piscopo


1 febbraio ore 11 - Firenze, Palazzo Bastogi. Medaglia d’Argento per l’Unione Fabbricanti Italiani Piatti di Pistoia.
Siete invitati
Non c’è musicista che parlando di batterie non abbia in mente il marchio Ufip, punta di eccellenza della nostra produzione artigiana, ma vorrei dire artistica. Sono passati ormai ottant’anni da quando, nel 1931, le famiglie artigiane pistoiesi impegnate nella costruzione di strumentazioni musicali, decisero di allontanare le loro rivalità commerciali per unirsi assieme in una società cooperativa che le racchiudesse tutte. E l’unione, in questo caso, ha sicuramente fatto la forza. L’Ufip, e all’interno di questa soprattutto la famiglia Tronci, si è andata sempre più affermando come un’azienda leader nei suoi ambiti produttivi, sopravvivendo tenacemente a guerre, crisi economiche e di settore. Dagli isolati monasteri tibetani, alla batteria scatenata di Charlie Watts dei Rolling Stones, a risuonare sono sempre gli stessi bronzi pistoiesi. Sotto quest’ottica, è stato determinante il contributo della famiglia Tronci, che ha avviato nella zona la costruzione di strumentazioni musicali già dagli anni Trenta del Settecento, con i primi organi a canne. Consegneremo il premio assieme al l’assessore regionale al lavoro Gianfranco Simoncini, la Presidente della Fondazione del Consiglio regionale Fabiana Angiolini e il grande maestro Tullio De Piscopo.
Vi aspetto

Inserito da enzo , venerdì 29 gennaio 2010 alle 11:09 Commenti (1)

I COMMENTI
Commento di Nize , venerdì 20 aprile 2012 alle 09:36
" E cosi' la Cina insegna a tutti cosa maniado nello spazio a fare: RISORSE.Finalmente a qualcuno e8 iniziata a lampeggiare la lampadina in testa di allarme.Era ora.Solo sfruttando al massimo cio' che abbiamo in questo Sistema Solare potremo sopravvivere.Altro che OGm o cazzate simili o pseudo pacifismo: SFRUTTARE al 100%,e la cosa pif9 vantaggiosa e8 che non dovremo preoccuparci di rifiuti.Direi una buona notizia.Senza sarcasmo sul serio.o c'e8 qualcuno che si preoccupa di rifiuti abbandonati sulla luna o Marte?spero di no,spero nel "REALIASMO": o facciamo cosi',o periremo in questo "giardino bencurato".giorgio da trento "

INSERITE IL VOSTRO COMMENTO
Nome*:
E-mail:
  Bold Italic Underline
Commento*:
(max. 5000 caratteri)
Conteggio caratteri: