Litfiba... stasera il concerto

NELLE FOTO ufficiali si danno le spalle, come se evitassero ancora di guardarsi in faccia. Ma invece in faccia si guardano, eccome, nei concerti. Ghigo Renzulli e Piero Pelù Si guardano e guardano il pubblico, che irrompe in massa alla «reunion» più eclatante degli ultimi anni. L’altra sera a Roma per i Litfiba c’erano diecimila persone. «Nessuno si aspettava un ritorno di fiamma così»: a dirlo è uno che se ne intende, Bruno Casini. Manager della coppia dal 1980 al 1986, a Firenze, nonché autore del libro sulla loro storia.
«In viaggio con i Litfiba», che sarà presentato oggi alle 17.30 nell’angolo letterario del Play. «Perché tanto successo? Il mercato italiano non ha proposte rock forti, loro avevano lasciato un vuoto che sono stati bravi a riempire». Ha risposte su tutto,meno il punto più scottante: perché diavolo si fossero divisi. «Non l’ho mai capito, stare insieme evidentemente logora anche le band». Non ha dubbi invece sul consiglio per gli aretini.
«LO FIRMO se vuole: è un concerto-evento, straordinario, raccoglie un pubblico dai 15 ai 55 anni». I suoi tre pezzi ideali? «Pioggia di luce, Louisiana e Jassassin, vecchio pezzo degli anni’80». Oggi apertura con Proibito e chiusura con El Diablo e Spirito. Casini intanto si coccola il libro, strategico nell’uscita: a 30 anni dalla nascita della banda, a 20 dalla morte del batterista Ringo Di Palma e a 10 dalla separazione. E soprattutto nel pieno della festa per l’amore ritrovato. E che ricollega anche una trama di fili tutti aretini. Il video che la band aveva girato nelle miniere di Cavriglia per il lancio di Bomba Booomerang. Scarpe grosse e cervello fino, con i tacchi affondati nella lignite.
E poi la Tnt, la squadra di calcio per beneficenza, messa su nel Capodanno 2000 da Pelù con Enzo Brogi. In campo con attori, cantanti, comici e quant’altro. O quella notte in cui trasformarono il teatro di Cavriglia in uno studio di registrazione. Un concerto per 30 persone. Qualche migliaio meno di quelli attesi per stasera: dalle 21 in poi, sotto gli alberi del Prato.
(La Nazione, 24 maggio 2010)

Inserito da enzo , sabato 24 luglio 2010 alle 09:30 Commenti (1)

I COMMENTI
Commento di Sana , venerdì 20 aprile 2012 alle 22:55
" Motorhead suoneranno in Italia il 27 guigno prossimo in occasione del Gods of Metal 2010, ma per i fan della band e8 in arrivo un'altra grande occasione per vederli dal vivo nel "

INSERITE IL VOSTRO COMMENTO
Nome*:
E-mail:
  Bold Italic Underline
Commento*:
(max. 5000 caratteri)
Conteggio caratteri: