Ma ho capito bene?

La nostra Ministra Gelmini che per settimane ha tergiversato sulla spalmatura in ogni dove di marchi e simboli leghisti della scuola di Adro (banchi, soffitti…fino agli zerbini!…) adesso invoca per un' ”educazione imparziale ed autonoma rispetto a qualsiasi orientamento politico”, perché qualcuno gli ha detto che c’è un asilo ospitato nello storico teatro di Livorno ove nacque il PCI (edificio purtroppo adesso fatiscente assai) e che sull’altro ingresso del teatro vi sventola una vecchia bandiera rossa, lasciata lì dopo chissà quale manifestazione. Ma ci faccia il piacere! Signora ministra, si occupi della nostra scuola che oramai è nelle ultime classifiche di ogni indicatore.

Inserito da enzo , lunedì 18 ottobre 2010 alle 18:00 Commenti (6)

I COMMENTI
Commento di Gert , giovedì 20 giugno 2013 alle 21:37
" Your artilce perfectly shows what I needed to know, thanks! "

Commento di Lovely , giovedì 20 giugno 2013 alle 20:29
" Vajra,I have the novel but I did not happen to read it :-) Yes..wonderful cast and also sprueb screen play... Liked it very much .Thanks "

Commento di Manideep , domenica 15 luglio 2012 alle 01:42
" Beh allora spicagei tu come funziona, visto che io leggo, anche sul tuo ilsole24ore, sempre le stesse cose. i comuni NON concederanno il rinnovo della licenza che verre0 messa al bando pubblico.su. portami perfavore qualche prova del contrario, sono curiosobasta leggere la Bolkestein non parla di ambulanti o di concessioni per ambulantimi risulta che siano i rappresentanti di categoria che imboccano i politici sul come fare e sul cosa applicare !! "

Commento di Nevaeh , giovedì 28 luglio 2011 alle 20:24
" Good points all around. Truly aprpecitaed. "

Commento di beppe martini , mercoledì 20 ottobre 2010 alle 18:26
" Quanto hai ragione Enzo.Finalmente ho ripreso a leggerti.Tanti Enzo ci vorrebbero in questo (quale...!!??) Fatti vivo..A presto.Beppe Martini "

Commento di Alessandra Rossi , lunedì 18 ottobre 2010 alle 23:17
" Caro Enzo siamo veramente nella bassezza che piu' bassazza non esiste.Bene fanno gli studenti a protestare, a chiedere una scuola con un minimo di qualità insieme anche ad edifici non fatiscenti come sempre di piu' si vedono.
Ma purtroppo,devo ammettere, con enorme dispiacere, che si la ministra Germini ha sfasciato completamente la scuola ma anche i precedenti ministri,compreso quelli di sinistra, Fioroni per esempio, non mi sembra che abbiano fatto gran che. Certo è che anche da parte degli insegnanti ce ne sono alcuni e forse piu' di alcuni che non fanno seriamente il loro dovere, e guarda che con i ragazzi non si puo' fare lezione e basta;un buon educatore non deve essere solo preparato culturalmente ma deve avere anche un po' di passione e notevole attenzione nei confronti di ciascun alunno/a.
Anche nel nostro piccolo Valdarno,mi sembra che in questi ultimi anni si stia perdendo l'impegno nei confronti soprattutto della qualità della scuola.La qualità sembra che sia cosa ormai ignota ai piu'.
Inoltre le mie preoccupazioni sono riferite al fatto che i comuni rilasciano con molta facilità licenze ai privati per poter aprire asili nido a destra e a manca cio' non ti sembra pericoloso? chi lo fa in tali nidi il controllo di qualità? non è rischioso tutto cio'? . E non mi piacciono neanche tutti questi vaucer che la nostra Regione Toscana rilascia ai genitori per mandare i loro figli appunto alle scuole private. I nidi , la scuola deve essere pubblica!! Io,è da tempo che chiedo di riunire i nidi del Valdarno per la formazione, come abbiamo fatto per tanti anni, ci sarebbe oltre ad un risparmio economico,( il che di questi tempi, non guasta) uno scambio pedagogico-educativo che non potrebbe fare altro che portare ricchezza.Perchè ognuno vuole stare a casa sua?: non sarebbe il momento di ricominciare a collaborare?. E' vero è un momento di recessione, difficilissimo, i comuni non hanno soldi,e allora? che facciamo? non è proprio nei momenti peggiori che ci si unisce? E poi troviamo il coraggio di fare delle scelte, anche se impopolari ma facciamole! Smettiamola di fare feste, aperture solo consumistiche, manteniamo le tradizioni e rispettiamo quelle dei migrati magari offrendo loro uno spazio. Mi sembra che l'unico che sfodera coraggio sia il sindaco Renzi,almeno è uno che fa!
Dobbiamo smettere di lamentarci e basta.
Visto che da noi nessuno si muove, Enzo mi appello a te che ci sai fare,proviamo a mettere insieme un' iniziativa per esempio sulla scuola pubblico-privata. quale qualità? io sono disponibile e ho anche un buon nome da proporre ma io non sono ascoltata. cari saluti Sandra "

INSERITE IL VOSTRO COMMENTO
Nome*:
E-mail:
  Bold Italic Underline
Commento*:
(max. 5000 caratteri)
Conteggio caratteri: