Il redditometro
Nel 2011 arriva il redditometro toscano. Va in pensione infatti l'Isee. O meglio sarà modificato rispetto a quello che è oggi. Nella bozza di finanziaria licenziata dalla giunta regionale e che dovrà essere discussa ed approvata dal Consiglio entro la fine dell'anno c'è infatti una prima riforma dell'indicatore della situazione economica equivalente: l'Isee appunto, strumento principe per misurare i mezzi economici di una famiglia e determinare di conseguenza tariffe di accesso a numerose prestazioni.

Il presidente della Toscana Enrico Rossi lo aveva annunciato a settembre. “Non aumento le tasse – aveva detto – Ma i tagli del governo sono pesanti e prima di tagliare servizi importanti potremo ch iedere un contributo maggiore a chi guadagna di più, in modo da concentrare le risorse a disposizione sulle famiglie e i soggetti più deboli. Per questo serve un nuovo redditometro per il welfare”. Uno strumento che meglio dell'Isee possa misurare la ricchezza familiare e consentire quindi una maggiore equità. Uno strumento che tenga conto per esempio, in futuro, delle spese sostenute per i figli piccoli o per gli anziani che non sono autosufficienti. Un indice che consideri alcuni redditi non tassabili, che oggi non rientrano nel calcolo dell'indicatore, ma che possono fare la differenza.

Da dodici anni uno strumento per mille usi
L'Isee è stato inventato nel 1998 e sicuramente si è rivelato una misura più precisa del semplice reddito lordo. Uno strumento mille usi e una formula unica per misurare e mettere a confronto la capacità di spesa di famiglie che uguali non so no, a cominciare dalle dimensioni: sommi i redditi, ci aggiungi un quinto dei conti bancari, Bot, fondi di investimenti e proprietà immobiliari, sia pur con alcune franchigie, e poi dividi il tutto per un coefficiente in base a quante persone vivono nello stesso nucleo.
Per dodici anni l'Isee è stato utilizzato per accedere a numerosi servizi: dalla determinazione delle rette per il ricovero degli anziani in strutture assistite al calcolo delle soglie di esenzione per determinate prestazioni sanitarie, dall'accesso agli asili nidi e le borse di studio al rimborso dei libri scolastici o l'abbattimento delle tasse universitarie. L'Isee è servito anche per stabilire o meno il diritto ai bonus sulla bolletta telefonica, elettrica o del gas. O per l'assegno regionale una tantum per i disoccupati privi di ammortizzatori sociali o in difficoltà con il mutuo.

Il nuovo Isee: la modifiche in Finanziaria
Ora si cambia. Peserà di più la presenza di minori, anziani e disabili. Per ogni figlio, fino ad una certa età, potrebbe essere considerata una franchigia sui redditi dichiarati. E saranno soprattutto considerati alcuni dei redditi che  oggi non rientrano nell'Isee.
Alla legge seguirà un atto di indirizzo della giunta ed un regolamento.

Altri criteri allo studio
Ma altre modifiche potrebbero aggiungersi nel corso del 2011. Così, come l'Isee diminuirà in presenza di più figli minori e persone non autosufficienti, potrebbe crescere (a parità di reddito) in presenza di beni di lusso o spese particolari. A dichiarare redditi, patrimonio e spese saranno sempre le famiglie, con un'autocertificazione. Ma cresceranno anche i controlli.

Altrove in Italia
La Toscana non è la sola che ha provato a modificare l'Isee. A Trento l'indicatore è stato sostituito dall'Icef, calcolato per ogni individuo e non per famiglia, e con soglie, variabili e pesi che cambiano a seconda della prestazione richiesta e di chi la richiede. L'idea è che un anziano che domanda assistenza o un giovane che chiede un nido non possano essere messi esattamente sullo stesso piano. A Trento inoltre il patrimonio, soprattutto se grande, conta molto di più. Nella città di Parma è stato introdot to una sorta di quoziente familiare che addolcisce la tariffa, che conseguirebbe all'applicazione dell'Isee, quando la famiglia cresce. Perché una famiglia grande necessita di maggiori spese.
Inserito da enzo , giovedì 4 novembre 2010 alle 09:06 Commenti (2)

I COMMENTI
Commento di Kithy , domenica 9 dicembre 2012 alle 02:52
" Ben tornata in Italia!!!! La tua prtiaa, la tua madre!!!!! Ti sare0 mancata la notte: con i suoi interminabili misteri, il buio consolante, il debole chiarore della luna e delle stelle; quella dolce sensazione che ti avvolge tutta, un tepore invisibile che ti culla fra le sue braccia e finalmente il buio infinito, accogliente come un letto dopo infiniti giorni di marcia sotto il gelo okay, sicuramente, dopo tutto quel sole, ti starf2 facendo venire la bava alla bocca Dev'essere stato proprio terribile giorni e giorni in un tramonto eterno, come se stessi sul confine della Terra della Notte. Mia madre mi ha detto che teneva l'oblf2 sbarrato per avere un pizzico di oscurite0, ma che comunque aveva dormito ben poco. Come te.A quest'ora l'Italia ti sembrere0 un paradiso, con la sua immutabile notte. Una cosa fantastica ai tuoi occhi. Spero.E' carinissimo quel negozio!! Anche a me sarebbe venuta la voglia di comprarlo!!!Senti, te lo dico per l'ennesima volta: non descrivere cosec bene, altrimenti rischia che mi imbarco in un aereo e vado via di casa! Accidenti, va a finire che prima o poi lo faccio !Buona notte, goditela!!! "

Commento di Samoel , venerdì 20 aprile 2012 alle 09:46
" you should go to a jiounr college and learn how to have better study habits, and learn how to make good grades. its different for everyone. learn how to work hard/ get good grades. its better to learn this (in ur situation) at a jc instead of a pricey university.it took me a few yrs in univeristy to learn how to get a 3.5+ and i wish i did that at a jiounr collegewell thats my advice hope that helps a bit "

INSERITE IL VOSTRO COMMENTO
Nome*:
E-mail:
  Bold Italic Underline
Commento*:
(max. 5000 caratteri)
Conteggio caratteri: