Alla Leopolda
Riflettendo sui tre giorni del Big Bang a Firenze mi veniva in mente l'ultimo bel singolo dei Negrita: "Il vento sta cambiando e il sole splende c’è chi lotta e chi si arrende c’è chi dice cose nuove c’è chi è morto e non se ne è accorto...

Davvero un bel clima questi tre giorni alla Leopolda.
Fiumi di persone, entusiasmo, tanta voglia di esserci. E, lo devo dire, indipendentemente dall’età.
Dal palco tante voci, tante proposte, desideri. Tante energie, idee nuove, e anche un po’ no.
La vera novità mi è sembrata piuttosto che molti ragazzi e molte ragazze, giovani e meno, si giocassero per la prima volta l’emozione di parlare di politica, di dire la propria, davanti a una grandissima platea, reale e virtuale. E lo facevano assieme a sindaci, amministratori, militanti, esperti economisti. La vera novità mi sembravano i passeggini che ogni tanto transitavano davanti alle lunghe file di sedie della platea. Si, perché quella delle giovani famiglie mi sembra la realtà che difficilmente riusciamo a coinvolgere nelle tante iniziative politiche che facciamo negli autditorium o nelle case del popolo. In questo la Leopolda ha vinto.
Il Pd ha vinto. Perché un partito vince ogni volta che si apre e riesce a parlare e dialogare con mondi più grandi. A nutrirsi di passione e nuovi punti di osservazione.
Stazioni, prossime fermate, presidi contro il governo. Sono diversi fine settimana che in più parti d’Italia il nostro partito si è messo a disposizione per incontrare idee e persone. Con metodi e formule diverse. A me questo più che un problema sembra una grandissima occasione.
Un partito ha delle regole, mi ha detto qualcuno, e le proposte si discutono al suo interno. Io invece dico... no, un partito ha delle idee, non incastriamole nelle regole!



Inserito da enzo , lunedì 31 ottobre 2011 alle 10:51 Commenti (2)

I COMMENTI
Commento di kLcUU , sabato 8 marzo 2014 alle 15:39
" <a href=http://paris-tilsitt-hotel.com/#4dpvj>buy xanax online</a> xanax xr 1mg tablets - xanax quotes for myspace "

Commento di Hament , venerdì 20 aprile 2012 alle 13:49
" Vediamola cosec. Un partito che vbrreobe vincere le elezioni cosa farebbe davanti al fenomeno Renzi: cercherebbe di trovare punti sintesi per sfruttare il volano elettorale rispetto l'elettorato moderato. Risposta: Renzi e8 di destra. Controproposta: ci alleiamo con l'UDC per prenderi i moderati, partito non di certo di stampo riformista e con padrini economici e culturali molto pif9 inquietanti (Caltagirone in primis). Che non guarda al programma ma guarda alle bandiere, e perche8 dovrebbe votare UDC se alleato con il PD quando c'e8 il PDL? E soprattutto Casini, Fini e Rutelli saranno cosec stupidi da rinunciare al ruolo di ago della bilancia? "

INSERITE IL VOSTRO COMMENTO
Nome*:
E-mail:
  Bold Italic Underline
Commento*:
(max. 5000 caratteri)
Conteggio caratteri: