Un lavoro di squadra... per una legge sulla musica


I "costituenti"... !

Un bel lavoro di squadra… quello che mi ha permesso finalmente di depositare in Consiglio Regionale una proposta di legge sulla musica popolare contemporanea che ha l’obiettivo di sostenere le diverse forme di espressione musicale che vanno dal rock al jazz, dall’elettronica all’hip-hop… Il recupero degli spazi per prove e concerti, gli incentivi per la partecipazione a festival e rassegne, un “Erasmus della musica” capace di mettere a confronto generi e linguaggi e favorire la contaminazione delle esperienze fra i giovani, sono alcuni degli interventi previsti.
Un percorso che mi ha visto per mesi coinvolto nello scambio di idee, suggerimenti, incontri con molti giovani musicisti, associazioni culturali, operatori, tecnici, organizzatori di eventi musicali e che ha potuto contare sul contributo decisivo di molti amici artisti come Piero Pelù, Stefano Bollani, Jovanotti, Alessandro Benvenuti, la Bandabardò, i Negrita, Petra Magoni, Dolcenera, Ginevra di Marco.
Sono molto contento… perché ci siamo lasciati con tante idee e voglia di impegnarsi ancora per questa causa!

Sul sito www.unaleggeperlamusica.it è aperta la campagna di adesione per sostenere il progetto di legge che spero saremo in tanti a sottoscrivere.

Inserito da enzo , lunedì 5 novembre 2007 alle 12:02 Commenti (2)

I COMMENTI
Commento di Thais , venerdì 21 settembre 2012 alle 11:55
" Anch'io sono un cultore dell'acqua del e dal rbntuetio (come i nobili von und zu Vattelapesken ). Per non parlare delle fontanelle (quando cicloturisteggiavo per tutta Europa coi miei amici meditavamo di scrivere guide alle fontanelle di mezzo mondo E la prima fontanella con acqua minerale la scoprii secoli fa in Jugoslavia, non lontano da Sarajevo!).E siccome non amo particolarmente l'acqua minerale in bottiglia, quando vedo che non si puf2 fare a meno di ordinarla, allora la richiedo rigorosamente gasata. Non per il gusto. Ma per principio: se devo pagarla, almeno che ci siano le bollicine!Vermondo "

Commento di Mickey , sabato 14 luglio 2012 alle 06:50
" La campagna prbsiizioniitoca la trovo giusta. Non si beve quando si guida o si muore. Da giovane europeo perf2 mi chiedo come mai nel mio paese altro mezzo oltre la macchina non e8 presente, Londra, Berlino, Madrid, Parigi, Amsterdam etc nessuno, (o quasi, e comunque puf2 scegliere) lec si sogna di guidare ubriaco, basta che prende i mezzi pubblici, i quali FUNZIONANO TUTTA LA NOTTE, e cosec DEVE diventare anche qui. Uno esce beve quanto gli pare spende quanto vuole e torna sereno a casa. Ma...ho come l'impressione che i vecchi che ci governano, e quelli che dicono di avercelo duro che poi a ben vedere nn si direbbe, non capiscono, e allora poverini aiutiamoli noi a calci, o capiscono e allora vaffanculo. Riccardo Passoni "

INSERITE IL VOSTRO COMMENTO
Nome*:
E-mail:
  Bold Italic Underline
Commento*:
(max. 5000 caratteri)
Conteggio caratteri: