La Regione finanzierà il teatro Bucci


"Dorme un teatro scolpito  al centro di un'agricola contrada..." canta nostalgico Paolo Conte, ma non nel centro storico di San Giovanni Valdarno.
I cittadini sangiovannesi si accomoderanno al teatro Bucci, su poltrone nuove e proprie.
La Regione, infatti, ha deciso di stanziare 2.400.000 euro per finanziare il 60% del progetto di ristrutturazione del teatro preparato dall'amministrazione comunale.
Un bel sollievo dopo l'esclusione dai finanziamenti dell'anno precedente!
A questo punto potrà essere avviata la realizzazione di un moderno centro polifunzionale con un struttura teatrale, una sala cinematografica, sale di incisione, ecc.
Insomma, si potrà realizzare non solo un importante intervento culturale, ma anche sociale ed urbanistico. Il recupero di uno spazio culturale nel centro della città, che si impone sugli ennesimi insediamenti abitativi o commerciali significa ridisegnare un luogo dove i cittadini potranno incontrarsi e condividere emozioni,  rafforzare il senso di appartenza alla comunità.
Il tavolo di concertazione tra Regione Toscana e Amministrazione Provinciale al fine di individuare nell'ambito dei Patti per lo Sviluppo Locale (PASL) i progetti finanziabili, ha previsto per la provincia di Arezzo anche altri importanti interventi. Figurano, ad esempio, fra i progetti candidati, il restauro del Ponte di Pogi a Bucine per il quale si stanzierebbero 420.000 euro, 534.000 euro per i musei comunali di Poppi e, 500 mila per restaurare il Palazzo Guinigi di Laterina.
Adesso comincerà la fase istruttoria di valutazione dei progetti.

Inserito da enzo , giovedì 9 ottobre 2008 alle 22:44 Commenti (4)

I COMMENTI
Commento di Mentor , lunedì 10 dicembre 2012 alle 07:11
" Grazie per i fiori.E buon lavoro. In bocca a lupo per tutti i prottegi e che tutto dia i frutti sperati.Intanto un'occhiatina la butterf2 sempre qua, con tutto il ben di Dio che hai gie0 pubblicato, saprf2 farmi forza :) "

Commento di Paolo , sabato 14 luglio 2012 alle 15:36
" Lassa sta che non riesco prorpio a sodalizzare: pure il mio non mangia.Chiarisco che qui le merendine non ci sono e che si mangia frutta e verdura, semplicemente non mangia il resto.Sospetto che mia madre lo porti da McDonald, ma io torno tardi la sera e ho poca voce in capitolo: gli piace mangiare l'hamburger a casa, fatto da noi, con il pomodorino, le fettine di pane Non lo chiamo pic3a0 orchetto infatti perchc3a9 c3a8 diventato una acciuga ed io una madre che vorrebeb socializzare ;P "

Commento di enzo , sabato 18 ottobre 2008 alle 10:56
" Caro David,
Sono convinto che investire in strutture e spazi destinati alla realizzazione di progetti culturali non sia affatto uno spreco.
Certo, è importante che poi siano gestiti bene, puntando sulla qualità e sull'efficienza. Credo che recuperare luoghi di socialità nei nostri centri storici con interventi culturali significhi sviluppare il senso di appartenenza ad una comunità,a una città, il gusto di viversi le sue strade e le sue piazze, prendendo le distanze, almeno qualche volta, dalla sola cultura del consumo. "

Commento di David , martedì 14 ottobre 2008 alle 21:19
" Come ti ricorderai sono sempre stato MOLTO contrario a questo progetto.
Adesso anche l'Ex Casa del Fascio dovrebbe diventare (mi auguro proprio di no) un nuovo Centro culturale. Mi chiedo, ma per chi visto che la biblioteca è quasi sempre vuota e la richiesta culturale non mi sembra poi così alta? ma poi, visto che tutti i comuni piangono, dove sono tutti questi soldi per sostenere ben 2 complessi culturali in SGV? una risposta me la sono data: facendo pagare ai soliti BISCHERI sempre più tasse. Il vero caro vita, ha ragione la coop, non è tanto negli alimentari ma nelle TARIFFE, dove spesso, amministrazioni incompetenti (così come i monopolisti), sono solo capaci di aumentare i costi per i cittadini - tanto non esiste concorrenza. Chi sosterrà e quanto ci costerà l'anno la manutenzione del Bucci e della Ex Casa del Fascio? oltre che il personale per i "Centri culturali"? oppure devono rimanere dei complessi vuoti che sono serviti soltanto a chi sarà quali losche manovre di comodo? "

INSERITE IL VOSTRO COMMENTO
Nome*:
E-mail:
  Bold Italic Underline
Commento*:
(max. 5000 caratteri)
Conteggio caratteri: