"esser per la pace"

L’esplosione di guerra e di morte di questi giorni sulla striscia di Gaza è terribile, appare disperata. Un filo di speranza lo si può cercare nelle parole laiche e profetiche dello scrittore israeliano Amos Oz.  “Sono un gran fautrore del compromesso… Nel mio mondo la parola compromesso è sinonimo di vita. E dove c’è vita ci sono compromessi. Il contrario di compromesso non è integrità e nemmeno idealismo e nemmeno determinazione o devozione. Il contrario di compromesso è fanatismo, morte… Ritengo che l’essenza del fanatismo sia nel desiderio di costringere gli altri a cambiare. Quell’inclinazione comune a rendere migliore il tuo vicino, educare il tuo coniuge, programmare tuo figlio, raddrizzare tuo fratello, piuttosto che lasciarli vivere.”

“La lotta tra ebrei israeliani e arabi palestinesi non è di fatto una guerra di religione… non è altro che un conflitto territoriale sulla dolente questione del ‘a chi appartiene questa terra’?… questo è un conflitto tra un diritto è l’altro, tra due vigorose e convincenti rivendicazioni sullo stesso piccolo paese. Non una guerra religiosa… semplicemete una disputa immobiliare sulla proprietà dello stabile. Sono convinto che si possa arrivare a una soluzione.”

“Una delle cose che rendono il conflitto israelo-palestinese particolarmente grave, è il fatto che esso sia essenzialmente un conflitto tra due vittime.”

Amos Oz conclude con queste parole: “A voi europei tocca riservare ogni oncia di aiuto e solidarietà a questi due pazienti, fin d’ora. Non dovete più scegliere tra essere pro Israele o pro Palestina. Dovete essere per la pace.”

Inserito da enzo e gentiloni , sabato 3 gennaio 2009 alle 14:49 Commenti (1)

I COMMENTI
Commento di Doughboy , giovedì 20 settembre 2012 alle 21:26
" Essays like this are so important to broadening popele's horizons. "

INSERITE IL VOSTRO COMMENTO
Nome*:
E-mail:
  Bold Italic Underline
Commento*:
(max. 5000 caratteri)
Conteggio caratteri: