La legge per la musica va avanti

 

Stefano Bollani
alle consultazioni della legge per la musica

L'iter della legge per la musica prosegue il suo cammino. In Commisisone Cultura del Consiglio Regionale abbiamo svolto le consultazioni pubbliche sulla proposta di cui sono primo firmatario, ma che ha rccolto la firma di ben 32 consiglieri appartenenti a tutti i gruppi consiliari della Regione.
Abbiamo ascoltato il parere di associazioni di categoria, operatori del settore,
responsabili di festival e rassegne musicali della Toscana ma anche molti artisti,  a partire da Stefano Bollani, Bandabardò, Negrita ...
Un coro unanime che ha apprezzato la proposta e ne ha sollecitato l’approvazione offrendo anche alcuni spunti da recepire.
Ho sempre creduto alla grande capacità di coinvolgimento della musica e alle enormi potenzialità nel favorire importanti legami, esperienze di aggregazione, socializzazione. In sintesi, penso alla grande forza del linguaggio universale della musica, della sua capacità di creare “ponti” fra paesi, culture e comunità di ogni genere. Non c’è iniziativa nel mondo per la pace che non abbia una canzone, cantata da tutti, come globale segno di adesione e partecipazione.
Spero che questa legge possa essere un inizio per metterci al passo con la maggior parte degli altri paesi europei (si pensi ad Olanda, Belgio, Inghilterra) dove si è capito da tempo l’importanza culturale ma anche sociale ed economica della musica.


Si pensi che in Italia l’unica legge che regolamenta questa grande tema è del 1967…almeno fosse stata approvata nel '68 avrebbe “goduto” degli impulsi di quella straordinaria stagione politica e culturale!
Per saperne di più, contribuire, aderire e sostenere il nostro progetto cliccate su www.unaleggeperlamusica.it

Inserito da enzo , domenica 22 febbraio 2009 alle 11:30 Commenti (2)

I COMMENTI
Commento di Jalindar , sabato 14 luglio 2012 alle 20:02
" Ciao a tutti.A me capitato con una razagza di non dirgli quello che mi sentivo anche se il desiderio era forte!Adesso di solito se mi sento pi volte di dire una cosa la dico ma non sempre. Dipende dal contesto.Se vado in discoteca vedo una razagza che non conosco che mi piace, li pi dura che dica la mia, ma in un altro contesto sarei pi sciolto.Ad es una manifestazione o un ambiente dove si pu parlare di molte cose.Cosa mi consigliate di fare?Di cambiare submodalit ? Grazie mille.Buon pomeriggio! "

Commento di Brysen , giovedì 28 luglio 2011 alle 07:36
" Heck yeah this is exactly what I nedeed. "

INSERITE IL VOSTRO COMMENTO
Nome*:
E-mail:
  Bold Italic Underline
Commento*:
(max. 5000 caratteri)
Conteggio caratteri: