Non dimenticate l’Africa!
Shanta Devarajan, capo economista per l’Africa della Banca Mondiale. Questo accorato commento č tratto dal suo blog

“Nei paesi ricchi, quando la crescita economica rallenta di tre-quattro punti percentuali, la gente perde il lavoro e magari la casa, ma poi li recupera quando l’economia si risolleva. Nei paesi poveri dell’Africa, i bambini sono espulsi dalla scuola e perdono la possibilitŕ di diventare adulti produttivi. In certi casi, i bambini muoiono prima di aver la possibilitŕ di andare a scuola. Se l’attuale crisi č come quelle che l’Africa ha dovuto affrontare in passato, altri 700 mila bambini africani potrebbero morire prima di compiere un anno.
In breve, in Africa gli effetti della recessione globale saranno permanenti. Cosě, l’idea che gli aiuti possano essere messi in discussione a causa della recessione nei paesi ricchi sembra seguire una logica al contrario. Proprio perché nei paesi ricchi gli effetti della crisi sono temporanei, le risorse dovrebbero andare ai luoghi dove potrebbero essere permanenti. Naturalmente, ci sono influenze politiche da esercitare a livello locale. Ma davvero i politici dei paesi ricchi pensano che qualche voto in piů vale piů delle vite dei bambini che moriranno come effetto della recessione?
In piů, la cifra relativamente modesta spesa in aiuti per l’Africa negli ultimi dieci anni č almeno in parte responsabile della rapida crescita del continente. Dal 1998 al 2008, gli aiuti all’Africa sono aumentati e la crescita economica ha accelerato (fino a superare il 6 per cento nel 2007); la povertŕ č diminuita e gli indici di sviluppo umano, in particolare come percentuali di completamento della scuola elementare e come lotta all’Hiv-Aids, sono migliorati. I paesi africani hanno consolidato la loro politica economica, l’inflazione č scesa a metŕ del suo livello di metŕ anni ’90, cosě che gli aiuti sono stati piů proficui. I capitali privati sono arrivati molto piů velocemente che in altri continenti. Tutti questi sviluppi hanno subito un brusco stop per la crisi economica, una crisi che nemmeno lontanamente č colpa di africani. Aumentando gli aiuti all’Africa, la comunitŕ internazionale ha una possibilitŕ di invertire questa tendenza e prevenire che un urto temporaneo abbia conseguenze permanenti”.
Inserito da enzo , sabato 13 giugno 2009 alle 11:42 Commenti (7)

I COMMENTI
Commento di Candy , sabato 14 luglio 2012 alle 16:46
" buon inizio di scluoa e keep strong, sei pronta per le olimpiadi!!Vai con i biglietti, che impressione che la tua INP inizi la scluoa dell'obbligo, si divertirc3a0 moltoper quanto riguarda la riunione degli insegnanti, io ho saltato quella di Marta qui a boston e ho avuto un colloquio individuale per via dei tempi di iscrizione di Marta, ma ho ricevuto una brochure con la lista delle cose da fare durante questa circostanza. Questa lista avrebbe incontrato sicuramente il tuo favore, se mi mando il tuo indirizzo di casa te la spedisco.Marco ha acquistato 500 buste bianche, perchc3a8 costavano di meno di un blister piccolo, quindi sono a posto ^_^abbracci a tutti voi!comida "

Commento di Gournarayan , venerdě 20 aprile 2012 alle 20:23
" Concordo. Il sistema ealpne italiano e8 stato per alcuni decenni tra i meno disumani del mondo. Parlando sul tema in questione di “umanesimo italiano” mi riferivo a questo. La legge Gozzini (ora in corso di erosione, come sappiamo) ne e8 l’icona, ma non c’e8 solo quella. La situazione sta peggiorando (lo dimostra il numero crescente dei suicidi) per varie ragioni, non ultima il vendicativismo sociale. Ciascuno sa quali forze politiche lo sfrutti e lo alimenti. La questione ealpne non c’entra in via diretta col femminismo, ma c’entra con la QM. E’ un altro pezzo del Titanic: nelle prigioni ci stanno quasi solo uomini e quasi solo quelli della 3b0 classe. Dovrebbe essere superfluo dire che se e8 vero (come e8) che i crimini (quelli colpiti dalle leggi penali) sono commessi al 95% da maschi dovre0 ovviamente derivarne che il 95% dei carcerati sia maschio. Ed e8 anche superfluo dire che se i rei appartengono alla 3b0 classe per il 95% allora nelle prigioni dobbiamo trovare il 95% di questa classe. Se un popolano, disoccupato, alcolizzato, semianalfabeta ha commesso un omicidio, in prigione ci deve andare lui. E ci va. La sua condizione sociale non cancella il suo crimine.Denunciare il fatto che il 95% dei carcerati e8 maschio vorre0 forse significare che vogliamo venga messo dentro un numero adeguato di femmine innocenti solo per fare pari?Denunciare il fatto che il 95% dei carcerati appartiene ai Bassi vorre0 forse significare che vogliamo venga messo dentro un numero adeguato di Alti innocenti solo per fare pari? La considerazione sociologica non ha nulla a che vedere con la valutazione ealpne, ma ha tutto a che vedere con la valutazione politica. Come mai compiono reati (puniti dal codice) quasi solo i Bassi? La ragione non risiede solo nel fatto che e8 l’elite a scrivere le leggi, per cui ad es. in Italia il falso in bilancio (magari con 50.000 truffati/derubati) non e8 reato, mentre lo e8 lo scippo di strada. Deriva da altri motivi, noti o meno, intuibili o meno. Quelle che si chiamano cause sociali.Visibile e invisibile. I maschi pagano per i crimini colpiti dalla legge ealpne, perche9 la legge non puf2 colpire altro che i crimini oggettivi (derivanti da atti) ossia tutti i comportamenti antisociali visibili. Si puf2 quasi dire che la legge ealpne (da Hammurabi in poi) e8 intrinsecamente connessa alla presenza maschile nel mondo e quindi al modo maschile di commettere reati.E il modo femminile? Questo e8 tutto declinato all’invisibile, all’indiretto, al trasversale, come si conviene ad una creatura che ha nell’autoprotezione, nella fuga da ogni rischio e dalla responsabilite0 il suo modo di vivere. Sono solo spunti per ben pif9 ampi approfondimenti.“Il lato primordiale e violento che e8 in ciascuno di noi” e8 appunto cif2 contro cui vanno prese adeguate contromisure, anziche9 farne il lato fondante di un piano politico (=nazismo) o lasciare che le cose vadano come vanno, imputandone la causa alla malvagite0 umana e allargando le braccia: “Cosa vuoi fare, i sadici ci sono sempre stati!”Di fronte alla tendenza a rubacchiare, ad es., non si risolve il problema in quel modo dicendo sconsolati che “I ladri ci sono sempre stati ”, quella tendenza viene punita de jure e de facto (con qualche eccezione nei luoghi alti) pif9 o meno duramente.Contro la tortura (non solo nelle prigioni, ma anche nei manicomi e in tutti quei luoghi chiusi in cui i residenti sono alla merce9 degli altri) non esistono che leggi pro forma che neanche si tenta di far rispettare e che cmq oggi –nessuno avrebbe la forza di applicare perche9 la collettivite0 sta dalla parte di Lucifero, per dirla con Zimbardo. Si tratta di inferni con poche eccezioni. Una di queste rende vero quel che dicono nelle osterie: “In prigione hanno persino la piscina!”. Sec, …nel carcere femminile di Castiglione delle Stiviere.RDV "

Commento di forex predictor , giovedě 10 novembre 2011 alle 08:13
" Hai fatto alcuni buoni punti li. Ho fatto una ricerca sul tema ed ha trovato maggior parte della gente sara d'accordo. "

Commento di forexsignalmentor , giovedě 10 novembre 2011 alle 08:13
" Complimenti per avere uno dei blog piu sofisticati che ho incontrato in un certo tempo! La sua incredibile quanto si puo togliere qualcosa semplicemente a causa di come e bello visivamente. Youve messo insieme una grande grafica grande spazio blog, video, layout. Questo e sicuramente un must-see blog! "

Commento di instantforexcash , giovedě 10 novembre 2011 alle 08:13
" Grazie per la critica sensata. Io e il mio vicino di casa erano solo preparando a fare qualche ricerca su questo. Abbiamo ottenuto una Prendi un libro della nostra biblioteca locale, ma credo di aver imparato di piu da questo post. Sono molto contento di vedere questi grandi informazioni da condividere liberamente la fuori. "

Commento di londonforexrush , giovedě 10 novembre 2011 alle 08:13
" Si poteva certamente vedere il vostro entusiasmo nel lavoro che si scrive. Il mondo spera ancora di piu gli scrittori appassionati come voi che non hanno paura di dire come si crede. Seguire sempre il tuo cuore. "

Commento di Karah , giovedě 28 luglio 2011 alle 23:06
" My hat is off to your astute cmomnad over this topic-bravo! "

INSERITE IL VOSTRO COMMENTO
Nome*:
E-mail:
  Bold Italic Underline
Commento*:
(max. 5000 caratteri)
Conteggio caratteri: