Oltre la crisi: tutte le misure della Regione

Disoccupati, giovani professionisti, imprese, lavoratori atipici, cassaintegrati e studenti.

Questi i destinatari di tutta una serie di interventi messi a punto dalla Regione Toscana in sostegno alle tante famiglie travolte dagli effetti di una crisi economica da cui č difficile sollevarsi.
Molti mi chiedono in questo periodo informazioni su eventuali aiuti a cui poter accedere.

Forse puň essere utile avere un quadro ordinato e complessivo delle diverse misure attuate.
Vi segnalo, a questo proposito, un link della giunta regionale e… naturalmente, per  tutto il supporto che fosse ulteriormente necessario, io sono sempre qua.
clicca qui >>>

Inserito da enzo , venerdě 31 luglio 2009 alle 04:52 Commenti (1)

I COMMENTI
Commento di Muga , venerdě 20 aprile 2012 alle 17:45
" scrive:SICURAMENTE… E I PRECARI?Spett. On. Polverini, in questi inrogi ho avuto modo di come tutti di trovarmi davanti ai manifesti della la sua campagna elettorale, ma aimee8 guardandoli non ho trovato la frase che pif9 di tutte avrei voluto leggere.Lei viene dal sIndacato, come e8 possibile allora che nella campagna elettorale dove sembra essersi ricordata di tutto, si sia “dimenticata” proprio dei lavoratori pif9 bistrattati in assoluto?Ovviamente sto parlando dei Lavoratori precari, Co.Co.Co. Co.Co.Pro e Interinali, Lavoratori atipici che da oltre un decennio consentono agli enti della Regione Lazio di portare avanti i suoi compiti istituzionali, in condizioni di cronica mancanza di organico.Lavoratori che per sua stessa ammissione, svolgono in tutto e per tutto compiti da dipendenti con tipologie contrattuali differenti che vergognosamente li vedono privati dei pif9 elementari diritti.Possibile che lei non sappia che in Regione Lazio, alla cui presidenza lei si sta candidando, non e8 stato fatto assolutamente nulla per per sanare quella che per chi vive queste tipologie contrattuali e8 un’autentica e dolorosa piaga mentre moltissimi altri enti Enti locali hanno gie0 da tempo proceduto alle stabilizzazioni? Possibile che proprio lei, in virtf9 del suo impegno sindacale che l’ha resa cosec popolare non abbia sentito impellente la necessite0 di prendere fin da subito un impegno concreto in tal senso?Come puf2 accettare di mettersi al comando di una nave galera dove si sfruttano senza riconoscimento alcuno i lavoratori che per anni si e8 impegnata a difendere, senza impegnarsi fin da subito a fare qualcosa di concreto?Non mi sono ancora presentato, lo faccio subito, Mi chiamo Paolo Spadaro ho 47 anni, e da oltre 10 anni lavoro presso Laziodisu (ente per il diritto allo studio universitario) con un contratto da Co.Co.Co.E sono anche il Pape0 di Daniele un bambino di 8 anni affetto da un gravissima patologia che lo rende invalido al 100% , L’autismo.Al giorno d’oggi si puf2 fare molto per cercare di migliorare la situazione a condizione di sobbarcarsi il peso di trattamenti costosissimi, e terapie riabilitative intense e mirate. In tutto questo il sistema nazionale non interviene in nessun modo, e mi trovo a pagare tutto profumatamente e di tasca mia, e fare i conti con un bilancio familiare che proprio per questo tende costantemente al rosso. Sono tanti i percorsi che la mia famiglia non puf2 permettersi di intraprendere, soprattutto a causa della mia condizione di Lavoratore precario e che mi mette nella condizione di non poter fare nessun progetto per il futuro di mio Figlio.Da anni aspetto quella svolta in campo Lavorativo che mi consenta di guardare avanti, ma al di la degli impegni prontamente disillusi di assessori regionali come Silvia Costa(Diritto allo studio) e Alessandra Tebaldi (Lavoro) nulla di concreto e8 stato fatto. A me e ai mei colleghi e8 stato raccontato che era in preparazione una legge che avrebbe consentito il processo di Stabilizzazione di noi precari, legge preparata ma mai discussa ufficialmente in consiglio, legge che e8 stata volutamente lasciata a Dormire in un cassetto in attesa che potesse essere sfruttata nella Prossima campagna elettorale e che con tutta probabilite0 sarebbe diventata il cavallo di battaglia di Pietro Marrazzo, che sperava di vedersi riconfermare in carica per altri 5 anni, ridiventando invisibile (come del resto e8 stato per tutta la durata del suo mandato) subito dopo.Legge che neppure serviva, visto che gie0 la legge finanziaria Prodi prevedeva, percorsi di stabilizzazione dei Lavoratori precari attraverso procedure selettive ma che qualcuno voleva evidentemente sfruttare a suo uso e consumo. Le condizioni c’erano e ci sono tuttora, Laziodisu ha anche una pianta organica approvata che consentirebbe di assorbire tutti i lavoratori precari lasciando un considerevole margine per altre assunzioni. A mancare insomma e8 stata la volonte0, che come puo immaginare e8 venuta definitivamente meno quando la situazione di Marrazzo e8 precipitata.Questo e8 cio che ha saputo fare la sinistra, la destra da lei rappresentata riuscire0 a fare di meglio? Come puo ben immaginare non posso che augurarmelo.Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno(che pure e8 di Destra), ha gie0 stabilizzato ben 2200 lavoratori precari e si accinge a completare la stabilizzazione dei 50 precari esclusi dall’accordo del 19/12/2008, e lei?Spero che al contrario di quanto hanno fatto i suoi colleghi della precedente amministrazione vorre0 rispondere a questi interrogativi, e anche che mi consenta di divulgare la sua risposta a tutti i miei colleghi che aspettano di sapere cosa li aspetta. La prego di credere che non abbiamo bisogno di chiacchiere ma una buona volta di concretezza. e8 disposta a prendere pubblicamente un impegno nei nostri confronti e a portarlo a termine dimostrando che un cambiamento e8 davvero possibile? I suoi manifesti elettorali recitano Renata Polverini …Con Te.Non le chiediamo che di dimostrarlo.Cordiali SalutiPaolo Spadaro "

INSERITE IL VOSTRO COMMENTO
Nome*:
E-mail:
  Bold Italic Underline
Commento*:
(max. 5000 caratteri)
Conteggio caratteri: