senza titolo

Salgono a tre le persone condannate a morte in Iran dopo gli arresti legati alle proteste per le contestate elezioni presidenziali. Il primo condannato a seguito dei disordini scatenati dalla contestata rielezione del presidente Ahmadinejad è Mohammad Reza Ali Zamani. Secondo la versione ufficiale, l’imputato avrebbe ammesso l’accusa di spionaggio, ma Amnesty International ha denunciato ha denunciato l'uso della tortura per ottenere le cosiddette "confessioni" (in puro stile staliniano). Anche gli altri due condannati (di cui sono state rese pubbliche solo le iniziali, A.P. e N.A.) sono stati riconosciuti colpevoli di legami con "organizzazioni fuori legge". Rimangono, intanto, centinaia di altri detenuti nelle carceri di Teheran, arrestati dopo le manifestazioni dell' "Onda Verde". Spenti i riflettori dell'informazione internazionale, a Teheran la macchina della repressione ha funzionato a pieno ritmo. Sono vicende che ci interpellano. E che richiedono, da parte nostra, l'attivazione di una visibile solidarietà con la coraggiosa società civile iraniana. Per salvare la vita ai condannati e per richiedere la liberazione dei detenuti politici e dei "prigionieri di coscienza".
(testo dal blog di severino saccardi)

Inserito da enzo , lunedì 12 ottobre 2009 alle 12:38 Commenti (2)

I COMMENTI
Commento di Fredimar , sabato 8 dicembre 2012 alle 14:54
" Il testo che mi ha pif9 influenzato a rrgauido e8 senza dubbio Coscienza, cos'e8 di Dennett, sul quale ho gie0 espresso in questa sede le mie opinioni. E una questione come questa,che ha radici tanto profonde nella scienza diciamo da Socrate ad oggi, mi sembra particolarmente attuale' in un periodo come il nostro, in cui si riesce a parlare perfino di evoluzione robotica' e non solo umana/animale.Ad ogni modo, condivido le premesse ma non le conclusioni, se mai ci fosse conclusione precisa a questo intervento. Del resto quella sera non ho mai negato il potere esplicativo delle scienze biologiche o delle neuroscienze. Se la questione e8 come la pone Salvo del come , allora lo studio delle attivite0 neuronali e quant'altro, mi sembra il punto di partenza necessario e imprescindibile per siffatta indagine. E non riesco a capire come sia possibile fare filosofia della mente, o in ogni caso fare un'analisi filosofica della coscienza prescindendo dalle ricerche empiriche in merito. Se del resto il mio cervello fosse stato affetto da qualche (dis-)grazia naturale, adesso non potrei stare qui a scrivere e riflettere con voi su questi temi.Ma e8 possibile che la questione si sposti su altri ambiti di ricerca e dato che e8 possibile descrivere qualcosa da molteplici punti di vista, per quanto mi riguarda credo che nessun orizzonte sia vero, ma solo valido in relazione ai problemi. Se la questione, allora, e8 la coscienza, o l'umano in generale, a me pare che le sole neuroscienze non possano dirimere la questione: senza dubbio la religione o l'attrazione per una donna sono frutto di una composizione del mio organismo cosec e cosec, ma perche9 quella donna e perche9 l'idea di dio? Non parlo di trascendenza, ma di un aspetto della realte0 che il solo approccio empirico non puf2 spiegarci e, a me pare, non vuole spiegare. Il tentativo di fare delle scienze UNA scienza e8 l'atteggiamento tipico dei positivismi. Da questo punto di vista condivido le idee di Federico: se davanti la Scuola di Atene fossi rapito dall'estasi estetica, quanto avrebbe senso interrogarsi sulla chimica degli elementi? Per quanto mi riguarda, dunque, si tratta di livelli d'indagine diversi, ne9 migliori ne9 peggiori.Per quanto riguarda l'atteggiamento antropocentrico di Federico, ho gie0 pif9 volte espresso il mio dissenso nel condividere le sue premesse ma negare tenacemente le sue conclusioni. E il mio attacco all'antropocentrismo e8 proprio su quelle stesse basi naturalistiche che Federico al contrario pone a sua difesa: proprio perche9 siamo il frutto dell'evoluzione naturale (d'accordo, e8 solo un'ipotesi, ma non discutiamo su questo. Per amore della discussione, ammettiamo che sia valida ai nostri fini) non possiamo considerarci altro rispetto l'evoluzione stessa. I nostri tessuti sono costituiti della stessa materia di cui e8 fatto il tronco dell'albero o la goccia d'acqua (PS:da non assolutizzare!). Che poi moralmente ci siano diverse implicazioni, questo e8 un altro discorso, ma dal mio punto di vista e8 davvero sbagliato trarre conclusioni assiologiche da premesse ontologiche ( esiste l'uomo, l'uomo ha la capacite0 di pensare, dunque l'uomo e8 migliore ). In fondo se potessimo parlare con una formica, crederebbe di essere lei il centro dell'universo; noi pensiamo che non sia cosec, ma quale diritto avremmo noi per farlo a sua volta? Che il potere simbolico sia nostro (solo nostro?) non significa che siamo il migliore risultato della natura. Siamo semplicemente un risultato, verificatosi per contingenze, dato che credo tu non sia disposto a vedere necessite0 nella nostre esistenza, come non lo sono io del resto. "

Commento di Marcia , venerdì 20 aprile 2012 alle 14:26
" caro GianniHo letto il commento della Sig.ra/ina Francesca Rubini e verroi dire anch'io la mia sulle sue riflessioni.Per me, caro Sindaco, puoi anche continuare a mettere foto sul blog, sempre che la loro inserzione non vada a scapito al tempo che tu potresti dedicarci in video. Altrimenti tra le due modalite0 anch'io scelgo i video, ti capisco di pif9.Concordo con l'amica Francesca con la sensazione che tu abbia spostato la tua attenzione su Facebook, a scapito di questo blog. Cif2 significa che coloro come me che non hanno intenzione di registrarsi su Facebook per motivi che non e8 il caso disquisire in questo blog, riscontrando che il piatto piange , ovvero stai disertando questa modalite0, alla fine opteranno per cessare i loro interventi ed il blog sare0 destinato a morire per mancanza di alimenti .Ed infine, scusi Sig.Francesca se mi permetto di ribadire le sue impressioni, dando l'impressione di copiarla, ma debbo ancora concordare con lei esprimendo la mia impressione nel confermare un notevole allentamento del nostro caro Sindaco Alemanno' nel rispondere ai nostri quesiti in questo sito. Sare0 senz'altro perche8 ha molti impegni, ma allora mi permetterei di suggerirgli di non mettere troppa carne sul fuoco. Come si dice per le persone: Poche, ma buone , cosec il detto penso sia valido anche per le opere in cantiere . Caro Gianni, ti chiedo solo di pensarci un pochino, prima di cestinare i miei umili suggerimenti.Credo che tanti di noi siano dello stesso parere e vogliano che ti faccia sentire pif9 vicino a loro (me compreso).Si accettano scommesse su quello che sto per dire: avrf2 scritto una decina di commenti, o pif9; io dico che anche questo andre0 nel dimenticatoio! Vediamo chi ha ragione?Grazie per l'attenzione ed a Gianni dico: non me ne volere se parlo cosec, anche perche8 sei sempre nei miei affettuosi ricordi.saluti ai blogghisti da brunosaetta, ma per gli amici, come sempre, bruno "

INSERITE IL VOSTRO COMMENTO
Nome*:
E-mail:
  Bold Italic Underline
Commento*:
(max. 5000 caratteri)
Conteggio caratteri: